Intel lancia la serie Xeon 5600

Intel ha ufficializzato la nuova linea di processori Xeon 5600, basati su architettura Westmere e costruita mediante processo produttivo a 32 nanometri. Queste CPU sono destinate alla sostituzione della precedente linea Xeon 5500 a 45 nanometri e puntano soprattutto sull’efficienza energetica, grazie anche all’impiego di transistor con gate metallici ad alta costante k (high-k) di

Intel ha ufficializzato la nuova linea di processori Xeon 5600, basati su architettura Westmere e costruita mediante processo produttivo a 32 nanometri. Queste CPU sono destinate alla sostituzione della precedente linea Xeon 5500 a 45 nanometri e puntano soprattutto sull’efficienza energetica, grazie anche all’impiego di transistor con gate metallici ad alta costante k (high-k) di seconda generazione.

La nuova serie è costituita da 15 modelli, suddivisi nelle versioni Six-Core, Quad-Core e Low-Power. Da un punto di vista strettamente tecnico, si può osservare che è ancora presente la tecnologia proprietaria HyperThreading, attraverso la quale è possibile affrontare più thread contemporaneamente, migliorando le prestazioni del sistema.

Kirk Skaugen, Vice President dell’Intel Architecture Group, ha commentato:

Il processore Intel Xeon 5600 costituirà la struttura portante degli ambienti informatici mainstream.

Le nuove funzionalità di sicurezza garantiranno una maggiore tranquillità ai responsabili IT, mentre i miglioramenti apportati in termini di prestazioni, virtualizzazione dei server e consumo energetico favoriranno una maggiore produttività ed efficienza per più diverse applicazioni, dalle transazioni di dati alla diagnostica per immagini e ai prototipi digitali eseguiti con le workstation.

La cache di secondo livello tocca quota 12 MB, mentre, per quel che concerne la frequenza di lavoro, la serie spazia tra gli 1,86 GHz relativi al modello Xeon L5609 Quad Core, fino ad arrivare ai 3,46 GHz dello Xeon X5677 QuadCore. Il modello di punta è lo Xeon X5680 che, sebbene lavori ad una frequenza di 3,33 GHz, inferiore a quella del modello precedente, dispone di sei Core.

I prezzi vanno dai 440 dollari ai 1.663 dollari. La consegna in volumi è prevista per la fine del mese in corso.

Ti potrebbe interessare
Tutti potranno sviluppare applicazioni per l’iPhone…
Apple

Tutti potranno sviluppare applicazioni per l’iPhone…

… ma usando AJAX! Sembra che questa sia la soluzione al problema della contrapposizione tra Apple (che vorrebbe rendere l’iPhone il più sicuro possibile) e sviluppatori (che ovviamente vorrebbero poter sviluppare applicazioni per questo gioiello).Che dire… chi si aspettava di poter sviluppare usando la potenza di Cocoa e accedere direttamente a Mac OS X potrebbe

7 anni in Tibet, ma con il WiFi!!!
Google

7 anni in Tibet, ma con il WiFi!!!

Il WiFi arriva anche in Tibet con una rete veramente curiosa.Dharamsala è entrata nella storia nel 1960, anno in cui il Dalai Lama la scelse per farla capitale del Governo in esilio del Tibet, da qualche mese tra cime che raggiungono i 5200 metri, clima con temperature caldissime e freddissime e infrastrutture quasi inesistenti la