Opteron 6100: processori server a 12 core per AMD

Come anticipato in un precedente articolo, nella giornata odierna AMD ha ufficializzato il lancio dei processori server a 12 core (nome in codice Magny Cours) Opteron 6100 per sistemi a due e quattro socket.I consumi sono inferiori a quanto previsto: 105 W per l’unico modello SE (Special Edition), 80 W per i modelli standard e

Come anticipato in un precedente articolo, nella giornata odierna AMD ha ufficializzato il lancio dei processori server a 12 core (nome in codice Magny Cours) Opteron 6100 per sistemi a due e quattro socket.

I consumi sono inferiori a quanto previsto: 105 W per l’unico modello SE (Special Edition), 80 W per i modelli standard e 65 W per i modelli HE (High Efficiency).

I processori sono stati realizzati con approccio MCP (Multi Chip Package), ovvero affiancando sullo stesso package due die Instabul a sei core, con un occupazione di 692 mq e un totale di 2 miliardi di transistor. La cache condivisa di terzo livello ammonta a 12 MB, mentre la cache L2 è pari a 512 KB per ogni core.

Il controller di memoria a quattro canali consente di installare fino a 12 moduli DDR3-1333 da 4 GB per ogni CPU, ottenendo in totale 192 GB di RAM in un sistema a quattro socket.

I processori necessitano di schede madre con socket G34, che insieme alle CPU Magny Cours, vanno a costituire la piattaforma Maranello. Lo stesso socket sarà utilizzato per i prossimi processori a 32 nanometri.

Ti potrebbe interessare
Apple immune all’impatto di Windows 7
Apple

Apple immune all’impatto di Windows 7

L’imminente rilascio del nuovo sistema operativo Windows 7 non avrà nessun impatto sulla vendita di computer targati mela. Ad affermarlo, sono nientemeno che gli analisti del mercato azionario di Wall Street.Poche ore fa il ricercatore Brian Marshall di Broadpoint AmTech, società specializzata nello studio dei mercati, ha analizzato gli ultimi rilasci dei sistemi operativi di

Meraki ci prova a San Francisco
Prezzi e tariffe

Meraki ci prova a San Francisco

Dopo i fallimenti di Google e Earthlink adesso la neonata Meraki tenta di cablare San Francisco con il WiFi a basso costo sfruttando ripetitori invece che hotspot. Il budget del progetto è di 5 milioni di dollari e dovrebbe essere ultimato entro l’anno