In arrivo nuove CPU Intel a basso voltaggio

La nuova architettura Arrandale a 32 nanometri permette di raggiungere un buon rapporto prestazioni/consumi ed è per questo che Intel intende aggiornare il catalogo delle sue CPU a basso consumo.Il chipmaker di Santa Clara dispone attualmente di tre modelli ultra low voltage, ovvero i Core i5-520UM, Core i7-620UM e Core i7-640UM. Entro la fine dell’anno,

La nuova architettura Arrandale a 32 nanometri permette di raggiungere un buon rapporto prestazioni/consumi ed è per questo che Intel intende aggiornare il catalogo delle sue CPU a basso consumo.

Il chipmaker di Santa Clara dispone attualmente di tre modelli ultra low voltage, ovvero i Core i5-520UM, Core i7-620UM e Core i7-640UM. Entro la fine dell’anno, questo numero è destinato a crescere.

Tutti i processori Arrandale, indicati con il suffisso UM nel nome, hanno un TDP pari a 18 W, una tensione di alimentazione compresa tra 0,75 e 1,4 Volt, e controller di memoria DDR3 dual channel a 800 MHz.

Nonostante non ci siano notizie su notebook che hanno adottato il Core i7-620UM a 1,06 GHz (2,13 GHz con Turbo Boost) e il Core i7-640UM a 1,2 GHz (2,26 GHz con Turbo Boost), nel terzo trimestre dovrebbe essere presentato il modello Core i7-660UM con frequenza di clock pari a 1,33 GHz (2,4 GHz con Turbo Boost).

Nel trimestre successivo, invece, sarà annunciato il modello Core i7-680UM a 1,46 GHz (2,53 GHz con Turbo Boost). Tutti i processori integrano 4 MB di cache L3 e un sottosistema grafico a 45 nanometri funzionante a 166 MHz (500 MHz con Turbo Boost).

Sono proprio queste le caratteristiche tecniche che i produttori di notebook cercano per le loro soluzioni ultrasottili. Anche Apple potrebbe utilizzare le nuove CPU per il suo MacBook Air.

Ti potrebbe interessare
YouTomb: e sappiamo cosa censura Youtube, ma ci interessa?
Web e Social

YouTomb: e sappiamo cosa censura Youtube, ma ci interessa?

Probabilmente ne avrete sentito parlare nei giorni scorsi, è nato – di recente – un nuovo servizio chiamato YouTomb. Si tratta d i un portale che raccoglie tutti i video rimossi da YouTube per le ragioni che ben conosciamo: contenuti inadatti, violazione di copyright, etc.Il servizio nasce da un’iniziativa del MIT: l’istituto di tecnologia del