I tablet del futuro saranno AMD? Acer annuncia un 10,1 pollici con APU Ontario

All’inizio del prossimo anno AMD inizierà la diffusione sul mercato della sua nuova piattaforma Brazos, di cui fanno parte le due APU Ontario e Zacate.Ontario in particolare sarà il primo chip ad entrare in un tablet, grazie all’architettura Bobcat che consente di mantenere i consumi al di sotto dei 20 Watt.A partire dal mese di

All’inizio del prossimo anno AMD inizierà la diffusione sul mercato della sua nuova piattaforma Brazos, di cui fanno parte le due APU Ontario e Zacate.

Ontario in particolare sarà il primo chip ad entrare in un tablet, grazie all’architettura Bobcat che consente di mantenere i consumi al di sotto dei 20 Watt.

A partire dal mese di febbraio 2011, Acer inizierà la vendita di un tablet con schermo da 10,1 pollici e sistema operativo Windows 7. Il cuore del prodotto sarà la nuova APU di AMD che include la CPU dual core AMD C-50 da 1 GHz con un TDP di soli 9 Watt.

All’interno dello stesso pezzo di silicio troverà posto anche una GPU Radeon HD 6250, compatibile con le librerie DirectX 11, in grado quindi di accelerare senza problemi contenuti video in alta definizione.

Il tablet ha uno spessore di 15 millimetri, un peso di circa 1 Kg e sarà venduto insieme ad una docking station e ad una tastiera esterna. Non manca una webcam da 1,3 MPixel, mentre la connettività è assicurata dai moduli WiFi 802.11n e 3G. Altri dettagli saranno comunicati nei mesi successivi.

Ti potrebbe interessare
Dead Slate Walking
Tablet

Dead Slate Walking

HP Slate 500, dove tutto si è arenato. HP Slate 2, dove tutto ricomincia. Non sarà forse un tablet di successo, ma rappresenta comunque una speranza.

Firefox 2.0 arriverà il 23 Agosto
Mozilla Firefox

Firefox 2.0 arriverà il 23 Agosto

Firefox 2.0 beta 1 è in distribuzione, Firefox 2.0 beta 2 avrebbe dovuto esserlo ad inizio settimana. La distribuzione, invece, è stata rinviata. La nuova roadmap prevede un rinvio breve di una sola settimana, dunque a partire da Martedì 15 Agosto la nuova beta avrebbe dovuto essere pronta al test pubblico. Un ulteriore affinamento della