Apple lavora sul 3D senza occhiali

Apple ha depositato un brevetto che descrive un nuovo metodo che permetterebbe di rivoluzionare il settore del 3D. Cupertino vuole infatti realizzare una tecnologia che permetta di visualizzare immagini stereoscopiche in tre dimensioni, senza però l’ausilio degli appositi occhiali.I documenti descrivono quello che viene definito come metodo autostereoscopico, nel quale viene utilizzato uno schermo riflettente

Apple ha depositato un brevetto che descrive un nuovo metodo che permetterebbe di rivoluzionare il settore del 3D. Cupertino vuole infatti realizzare una tecnologia che permetta di visualizzare immagini stereoscopiche in tre dimensioni, senza però l’ausilio degli appositi occhiali.

I documenti descrivono quello che viene definito come metodo autostereoscopico, nel quale viene utilizzato uno schermo riflettente con delle texture capaci di proiettare immagini separate per ogni occhio; il sistema andrà poi a tener traccia della posizione degli occhi di coloro che osservano l’avanzato display, presentando allo spettatore contenuti in 3D sullo schermo.

La tecnica è incredibilmente complessa, ma qualora Apple la realizzasse, permetterebbe a più spettatori di godere dei vantaggi del 3D in tutta comodità, senza i fastidiosi occhialini. I consumatori infatti reputano tale equipaggiamento come un impedimento, e Apple lo sa bene. Per questo, il suo obiettivo è quello di proporre uno schermo 3D autostereoscopico economico, semplice da allestire, pratico, efficiente e altamente efficace, che consenta all’osservatore la più completa e assoluta libertà di movimento.

Ti potrebbe interessare
I social media in Italia
Facebook

I social media in Italia

Facebook continua a dominare il mercato dei social media in Italia: regge la sfida dei nuovi arrivati mentre, al contempo, gli inseguitori perdono terreno.

NVIDIA punta tutto sui processori quad core
nvidia

NVIDIA punta tutto sui processori quad core

NVIDIA è nota principalmente per le sue schede video GeForce, ma fino a qualche anno fa realizzava anche chipset per schede madri. Dopo l’uscita da questo settore, ha iniziato ad investire ingenti risorse nei processori mobile e le prossime versioni del SoC Tegra garantiranno un profitto di almeno 20 miliardi di dollari entro il 2015.

Medie le radiazioni emesse da iPhone 4
Apple

Medie le radiazioni emesse da iPhone 4

È uno dei tormentoni di questa settimana e rischia di generare preoccupazione nell’opinione pubblica anche nei prossimi mesi a venire: l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato che vi sarebbe una qualche relazione tra le radiazioni emesse dai telefoni cellulari e il rischio di tumore. Quasi per scherzo, perciò, è nata in rete una comica campagna

Trasmissioni anonime di dati in P2P
Prezzi e tariffe

Trasmissioni anonime di dati in P2P

Probabilmente in passato, Freenet non è stato in grado di sconvolgerci. Da pochi giorni, invece, è stata rilasciata la prima release, la versione 0.7, che ha l’arduo compito di far ricredere gli utenti della Rete e di inabissare i malfunzionamenti delle versioni precedenti.

La scuola condivisa sul Web
Web e Social

La scuola condivisa sul Web

Oggi il web permette di sfruttare molte risorse culturali per favorire la formazione a distanza. Nella nuova era di Internet la condivisione di contenuti culturali permette lo scambio di informazioni e sta determinando anche una rivoluzione nelle modalità di insegnamento. Le lezioni non si configurano più come semplice trasmissione di informazioni in luoghi chiusi e