Android 3.0: Andy Rubin ne mostra un’anteprima su un tablet Motorola

Durante la conferenza D: Dive Into Mobile, Andy Rubin, l’ingegnere di Google a capo del progetto Android, ha mostrato in anteprima la prossima versione del sistema operativo open source, specificamente progettata per i tablet.Android 3.0 (Honeycomb), che arriverà sul mercato il prossimo anno, è stato ottimizzato per funzionare su dispositivi più grandi degli smartphone. Come

Parliamo di

Durante la conferenza D: Dive Into Mobile, Andy Rubin, l’ingegnere di Google a capo del progetto Android, ha mostrato in anteprima la prossima versione del sistema operativo open source, specificamente progettata per i tablet.

Android 3.0 (Honeycomb), che arriverà sul mercato il prossimo anno, è stato ottimizzato per funzionare su dispositivi più grandi degli smartphone. Come la stessa Google ha dichiarato, l’attuale versione non è adatta per display di dimensioni elevate.

Per la dimostrazione, Rubin ha scelto un prototipo di Motorola, il tablet MOTOPAD che si caratterizza per l’assenza di pulsanti fisici, sostituiti dalle analoghe versioni virtuali presenti sullo schermo, che si riposizionano quando il tablet viene ruotato.

Non sono note le specifiche tecniche, ma la diagonale del display dovrebbe essere tra 8 e 9 pollici, mentre la risoluzione è pari a 1024×600 pixel. Rubin, mostrando il funzionamento dell’ultima versione di Google Maps, che supporta il 3D del terreno e le ombre dei palazzi, ha fatto riferimento ad una GPU dual core nVidia.

Ciò significa che il processore integrato non è un SoC ARM, in quanto la sua architettura non prevede una scheda video discreta. Molto probabile dunque una CPU Atom di Intel.

Google ha completamente ridisegnato l’interfaccia utente di Android 3.0, che quindi risulta diversa da quella di Android 2.x, e molto simile a quella di un sistema operativo desktop. Cambia anche l’aspetto di altri due servizi di Google: Gmail e Talk. Nei prossimi giorni conosceremo ulteriori dettagli.

Ti potrebbe interessare
Skype e Robodance: telepresenza a basso costo
skype

Skype e Robodance: telepresenza a basso costo

Girovagando su internet è possibile trovare qualche accenno a questa notizia che sembra fantascientifica, ma che in breve tempo potrebbe cambiare il livello medio di tecnologia presente nelle nostre case. Tramite un computer acceso a casa con installato Skype possiamo infatti dare dei comandi a questo simpatico robot utilizzandolo ad esempio per “parlare” con altre

I 5 motivi per non comprare l’iPhone
Apple

I 5 motivi per non comprare l’iPhone

Questo video, girato da Webnews.it qualche mese fa, è una provocazione (divertente). Si tratta dei cinque motivi per non comprare un iPhone.Da quando è stato girato il video, qualcosa, in meglio, è cambiata. Ma ancora ci sono dei punti, secondo me, che non vanno bene: la batteria, la connessione, il prezzo, ecc.