Non c’è solo Kinect: ecco Razer Hydra, il nuovo motion controller per PC

Kinect non è l’unico motion controller in commercio, o almeno non più. Razer e Sixense Entertainemnt hanno infatti svelato oggi Razer Hydra motion sensing PC controller, annunciato inizialmente al CES 2010 e finalmente, dal prossimo mese, disponibile per il preordine.Si tratta di un controller che offre un’accurata precisione, al millimetro, o al grado, utilizzando campi

Kinect non è l’unico motion controller in commercio, o almeno non più. Razer e Sixense Entertainemnt hanno infatti svelato oggi Razer Hydra motion sensing PC controller, annunciato inizialmente al CES 2010 e finalmente, dal prossimo mese, disponibile per il preordine.

Si tratta di un controller che offre un’accurata precisione, al millimetro, o al grado, utilizzando campi elettromagnetici, dotato poi di uno stick analogico con quattro pulsanti Hyperesponse ed un grilletto a fuoco rapido. La distanza da cui utilizzarlo può essere anche di 2-3 metri dalla base e sarà compatibile con oltre 125 giochi per PC, tra i quali Portal 2, Left 4 Dead 2 e “Call of Duty: Black Ops”.

Il bundle in vendita comprenderà il videogioco Portal 2, una stazione base e due controller motion sensing. Il prezzo sarà di 140 dollari, equivalenti a circa 95 euro.

Di seguito un video che mostra il funzionamento del Razer Hydra con il videogioco Portal 2.

Ti potrebbe interessare
Cassinelli difende Romani: non ci sono bavagli
Business

Cassinelli difende Romani: non ci sono bavagli

Roberto Cassinelli, entrando nel merito del cosiddetto Decreto Romani, smonta le tesi di quanti ritengono il testo un nuovo bavaglio alla libertà di espressione sulla Rete. Paolo Romani, nel frattempo promette di voler far chiarezza apportando modifiche

Dimmi come scrivi e ti dirò chi “SEO”
Web e Social

Dimmi come scrivi e ti dirò chi “SEO”

La scrittura è nel bagaglio di un bravo SEO un processo dinamico importantissimo da cui questi non può prescindere, soprattutto perché deve scrivere per i motori di ricerca.Ma perché avvalersi di una scrittura specifica per i robots? Cosa distingue la scrittura orientata ai motori di ricerca dalla semplice stesura di contenuti per il Web?