Aspire One Happy 2: nuovi netbook colorati da Acer

Acer ha annunciato una nuova linea di netbook con schermo da 10,1 pollici caratterizzata da colori brillanti che richiamano la stagione estiva. Gli Aspire One Happy 2 sono disponibili nei colori rosa pesca, giallo limone, arancione papaya e azzurro curaçao, una scelta cromatica che potrebbe piacere sopratutto all’utenza femminile.Dal punto di vista hardware, non ci

Acer ha annunciato una nuova linea di netbook con schermo da 10,1 pollici caratterizzata da colori brillanti che richiamano la stagione estiva. Gli Aspire One Happy 2 sono disponibili nei colori rosa pesca, giallo limone, arancione papaya e azzurro curaçao, una scelta cromatica che potrebbe piacere sopratutto all’utenza femminile.

Dal punto di vista hardware, non ci sono novità particolari, in quanto i netbook sono basati sulla nota piattaforma Intel con processore dual core Atom N570 a 1,66 GHz e sottosistema grafico integrato Intel GMA 3150.

La dotazione include anche 1 GB di memoria DDR3, hard disk da 250 GB, touchpad multitouch, card reader, tre porte USB 2.0, uscita VGA, webcam, rete Ethernet, WiFi 802.11b/g/n e, opzionalmente, Bluetooth 3.0+HS.

La batteria a 6 celle da 4.400 mAh in dotazione garantisce una autonomia fino a 6 ore. Per la ricarica del netbook, Acer ha realizzato l’adattatore di rete Acer MiniGo con un peso inferiore del 40% rispetto ai tradizionali adattatori da 30 Watt e dunque più comodo da trasportare in una borsa.

In Italia è possibile acquistare la seguente configurazione al prezzo consigliato di 299 euro IVA inclusa: processore Atom N570, hard disk da 250 GB, 1 GB di RAM, WiFi 802.11 b/g/n, Bluetooth 3.0, batteria da 4400 mAh e Windows 7 Starter. L’Acer Aspire Happy 2 integra anche la tecnologia Android Istant On che consente un accesso rapido ad Internet senza avviare il sistema operativo principale.

Ti potrebbe interessare
iPad: le prime recensioni
Apple

iPad: le prime recensioni

QIic04tXkRw]Visto che noi italiani possiamo sperare di mettere le mani su uniPad soltanto per la fine del mese, consoliamoci almeno con le prime impressioni di chi l’ha provato per diverso tempo. I giudizi provengono da illustri testate come il Wall Street Journal, PC Magazine e altre, e su una questione sembrano tutti piuttosto concordi: il