Sony: e-paper flessibile e display 3D senza occhiali

Importanti novità in arrivo dal palcoscenico del SID 2011. Ad annunciarle è Sony, che presenta all’evento due nuove soluzioni di ultima generazione. Trattasi di un e-paper flessibile e di due display 3D in grado di fare a meno dei classici occhialini. Il primo prodotto offre la possibilità di avere un vero e proprio foglio elettronico

Importanti novità in arrivo dal palcoscenico del SID 2011. Ad annunciarle è Sony, che presenta all’evento due nuove soluzioni di ultima generazione. Trattasi di un e-paper flessibile e di due display 3D in grado di fare a meno dei classici occhialini.

Il primo prodotto offre la possibilità di avere un vero e proprio foglio elettronico dalle dimensioni di 13,3 pollici e spesso solo 150 micron. Con un contrasto di 100.000:1, una risoluzione di 800×1200 ed una densità di pixel pari a 150 dpi, l’e-paper di Sony offre una buona qualità delle immagini visualizzate, candidandosi così ad un utilizzo in differenti contesti. Caratteristica principale del display è la sua flessibilità, grazie ad un substrato in plastica che ne amplifica le funzionalità. Il peso, infine, è di soli 20 grammi.

I due display 3D presentati da Sony fanno invece uso di una tecnica appositamente studiata per la visualizzazione di oggi 3D ad occhio nudo: utilizzando tali display viene dunque meno la necessità di adoperare appositi occhialini. Alla base della tecnologia adoperata dal colosso nipponico, v’è l’utilizzo di appositi componenti per l’illuminazione che permettono inoltre di passare dalla modalità 2D a quella 3D. I due display differiscono tra di loro per le dimensioni, rispettivamente pari a 10 e 23 pollici.

Al SID 2011, Sony ha voluto dunque sfoderare “l’artiglieria pesante”, proponendo soluzioni di sicuro impatto, in grado di rivoluzione il mondo dei terminali digitali. Ancora non sono noti i dettagli sull’entrata in produzione dei modelli presentati, né tantomeno i primi dispositivi che ne faranno uso, ma quasi certamente non tarderanno ad arrivare società interessate ad una loro adozione.

Ti potrebbe interessare
Il processore dell’iPhone anche per Samsung Wave
Google

Il processore dell’iPhone anche per Samsung Wave

Stando a quanto riportato da UBM TechInsights, che ha condotto delle ricerche a riguardo, pare che il tanto decantato chip A4 presente sull’iPad e sull’iPhone 4 non sia un’esclusiva del colosso di Cupertino. Il Samsung Wave S8500 pare infatti sia dotato della stessa CPU ARM da 1 GHz, così come, molto probabilmente, anche il Samsung

Elementi vincenti per realizzare un mobile app store
Google

Elementi vincenti per realizzare un mobile app store

Gli annunci di nuovi app store si stanno susseguendo abbastanza frequentemente in questi ultimi mesi: Microsoft, Nokia, e anche Vodafone. Ma quali sono gli elementi da considerare per lanciare uno store di successo? Proviamo ad analizzarne alcuni, senza la presunzione di una trattazione completa ed esaustiva. Diffusione: la storia dell’uovo e della gallina. Un app

Australia: gli ISP protestano contro la politica dei filtri
Prezzi e tariffe

Australia: gli ISP protestano contro la politica dei filtri

Il governo australiano ha previsto da tempo l’introduzione da parte dei provider di filtri sulle connessioni Internet. Definita “Cyber-Security”, l’operazione prevede il blocco degli accessi a tutti i contenuti illegali della rete, in particolare al download di materiali protetti dal diritto d’autore. Dopo un breve periodo di test, gli ISP hanno deciso di manifestare tutta