Il chipset Intel X79 supporta anche i processori LGA 1366

Ottima notizia per tutti gli utenti che hanno un PC con processore Intel Core i7 basato sulla precedente architettura e indicato con il nome in codice Bloomfield. Queste CPU, attualmente vincolate al chipset Intel X58, potranno essere installate anche su schede madri con chipset Intel X79 che adotteranno il socket LGA 1366, invece dell’LGA 2011

Ottima notizia per tutti gli utenti che hanno un PC con processore Intel Core i7 basato sulla precedente architettura e indicato con il nome in codice Bloomfield. Queste CPU, attualmente vincolate al chipset Intel X58, potranno essere installate anche su schede madri con chipset Intel X79 che adotteranno il socket LGA 1366, invece dell’LGA 2011 progettato specificamente per i processori Sandy Bridge E.

La compatibilità del chipset Intel X79 con le vecchie CPU è garantita dalla stessa Intel che ha previsto di rilasciare due schede madri, la DX79SI (Siler) con socket LGA 2011 e la DX79TO (Thorsby) con socket LGA 1366.

La DX79SI, progettata per l’utenza enthusiast, integra otto slot di memoria fino a 64 GB, tre slot PCI Express 3.0 con supporto per configurazioni a tre GPU, 12 porte SATA (6 di tipo SATA 6 Gbps), 4 porte USB, 14 porte USB 2.0, audi a 8 canali, modulo Bluetooth/WiFi e due porte Gigabit Ethernet. La DX79TO invece supporta due slot PCI Express 2.0, 8 porte SATA, 2 porte USB 3.0, audio e 6 canali e una porta Gigabit Ethernet.

Per quanto riguarda il nome dei processori Sandy Bridge E, Intel sembra intenzionata ad utilizzare ancora il brand Core i7 e non Core i8 o Core i9. Nel corso del quarto trimestre dell’anno, arriveranno sul mercato almeno tre modelli: due a sei core con cache L3 di 12 o 15 MB e frequenze di 3,20 o 3,30 GHz, e un quad core con 10 MB di cache L3 e frequenza di 3,60 GHz.

L’attuale Intel Core i7 990X Extreme Edition funziona a 3,46 GHz e raggiunge i 3,73 GHz in modalità Turbo Boost. Il successore dovrebbe toccare una frequenza massima di 3,9 GHz e dunque garantire prestazioni superiori.

Ti potrebbe interessare
Osborne 1: il primo notebook compie 30 anni
portatile

Osborne 1: il primo notebook compie 30 anni

Presentato dalla Osborne Computer Corporation dell’aprile del 1981, l’Osborne 1 viene considerato il primo portatile della storia. In realtà, considerato il peso (10,7 Kg) può essere definito un PC “trasportabile”, piuttosto che un portatile. Proprio per questo, è stato realizzato con una robusta custodia in ABS dotata di maniglia.30 anni di evoluzione informatica rappresentano un’eternità

Vodafone: Vittorio Colao nuovo amministratore delegato
Google

Vodafone: Vittorio Colao nuovo amministratore delegato

Vittorio Colao sarà il nuovo amministratore delegato del colosso della telefonia mobile Vodafone. Arun Sarin ha annunciato le sue dimissioni da amministratore delegato del gruppo Vodafone.Gli succede quindi Colao, attuale suo vice e responsabile delle attività europee del gruppo. Il cambio di vertice era nell’aria e alcune settimane fa l’autorevole Financial Times dava per certo

Dreaming Minority Report
Web e Social

Dreaming Minority Report

Me lo ricordo quando andai al cinema per Minority Report. Io fisso allo schermo, la mia fidanzata fissa su di me che a bocca aperta ammiravo il mouse manuale di Tom Cruise. Un miraggio. Non servivano spiegazioni: immediatamente capii cosa significava una cosa del genere. E immediatamente capii che lo volevo, assolutamente, lo volevo.Negli anni

Mac or PC, parodia di get a Mac
Imaging

Mac or PC, parodia di get a Mac

Come prevedibile è arrivata la risposta, da parte degli utenti, alla campagna pubblicitaria get a Mac, realizzata da Apple.“Mac or PC Rap Music” è un video per certi versi esilarante che mostra una sfida a suon di Rap tra un utente Windows-Pc e un sostenitore di Apple-MacOs.