Android, la minaccia Microsoft è concreta

Microsoft sigla il quarto accordo per la licenza di brevetti relativi al sistema operativo Android. L’affare, insomma, si ingrossa.

Parliamo di

La minaccia legale Microsoft nei confronti di Android si fa sempre più concreta. Nel giro di pochi giorni, infatti, Microsoft ha siglato una serie di accordi con cui va a stabilire accordi sui brevetti concedendo in licenza l’uso di Android, ossia il sistema operativo mobile concorrente.

Microsoft ritiene palese la violazione di brevetti nel codice Android e per questo motivo ne chiede il conto ai produttori che ne fanno uso. Me è questa una situazione destinata a non perdurare: lo strappo è destinato prima o poi a consumarsi.

HTC è stato il primo, l’avamposto, la mossa simbolica: Microsoft si è garantita 5 dollari per ogni Android venduto ed il produttore si è garantito copertura legale di fronte alle minacce provenienti da Redmond. Il secondo tassello è con la General Dynamics Itronix. Il terzo è con Velocity. Il quarto è stato comunicato soltanto nelle ultime ore: anche la Onkyo Corporation accetta le condizioni dettate da Microsoft e firma il proprio accordo per la vendita dei device Android.

Il commento Microsoft, firmato dal responsabile Horacio Gutierrez, è sempre il medesimo: felicitazioni per l’avvenuta stretta di mano ed un plauso per il modo in cui la proprietà intellettuale è stata rispettata. A questo punto però l’affare si ingrossa: i principali gruppi impegnati con Android dovranno fare i conti con la posizione di forza che Microsoft sta venendo ad avere e la stessa Google dovrà motivare ai propri partner la situazione emersa ed i relativi costi. Per Android dunque il fronte legale si fa caldo perché, tra le minacce di Oracle e la manovra di accerchiamento della Microsoft, i problemi rischiano di farsi eccessivamente pesanti per un sistema operativo che nutre ambizioni di dominio.

Ti potrebbe interessare