ASUS UX21 in vendita a settembre con l’aiuto di Intel

ASUS ha presentato al Computex di Taipei il primo esemplare di una nuova categoria di notebook che Intel ha definito ultrabook, ovvero prodotti molto leggeri ma ad elevate prestazioni. L’ASUS UX21 dovrebbe arrivare sul mercato nel corso del mese di settembre in due versioni con schermi da 11,6 e 13,3 pollici, in modo da competere

ASUS ha presentato al Computex di Taipei il primo esemplare di una nuova categoria di notebook che Intel ha definito ultrabook, ovvero prodotti molto leggeri ma ad elevate prestazioni. L’ASUS UX21 dovrebbe arrivare sul mercato nel corso del mese di settembre in due versioni con schermi da 11,6 e 13,3 pollici, in modo da competere direttamente con il MacBook Air di Apple. Intel ha deciso di investire ingenti risorse per convincere i produttori a realizzare gli ultrabook.

Non si conoscono le specifiche complete del prodotto ASUS, ma certamente integrerà un processore Intel Core i5 o i7, almeno 2 GB di memoria DDR3, un SSD da 64 o 128 GB e una porta USB 3.0. Il telaio, come mostrato durante la manifestazione taiwanese, è realizzato in alluminio e ciò ha permesso di contenere il peso in circa 1 Kg.

Il successo degli ultrabook dipenderà ovviamente dal prezzo. ASUS ha promesso di rimanere al di sotto dei 1.000 dollari, ma Intel vuole a tutti i costi raggiungere una quota di mercato del 40% sul totale dei notebook venduti entro la fine del 2012. Per ottenere questo scopo, probabilmente offrirà ai produttori un pesante sconto sul costo dei processori Sandy Bridge. Dopo il fallimento dei notebook con CPU CULV nel 2009, il chipmaker di Santa Clara non intende lasciare spazio ai tablet che continuano a rosicchiare quote ai notebook.

I produttori però non vogliono rischiare, in quanto il prezzo degli ultrabook è troppo elevato e per tale ragione, prima di avviare la produzione, aspetteranno il mese di settembre per conoscere i dati sulle vendite dell’ASUS UX21.

Ti potrebbe interessare
Windows XP bersaglio preferito dai rootkit
Microsoft

Windows XP bersaglio preferito dai rootkit

Il vecchio Windows XP è ancora il sistema operativo più utilizzato al mondo e ciò ha anche conseguenze negative sulla sicurezza. È infatti scontato che un software viene attaccato maggiormente se molto diffuso, per cui il risultato di una indagine condotta da Avast non dovrebbe meravigliare più di tanto. Windows XP è il bersaglio preferito

Nokia promuove Apple e rimanda Google
Android

Nokia promuove Apple e rimanda Google

Secondo l’amministratore delegato di Nokia, Apple sarebbe la novità più interessante del 2007 nel comparto degli smartphone. Google si sarebbe dimostrata meno concreta e pagherebbe un eccessivo ritardo nello sviluppo di Android