Hitachi annuncia hard disk da 1 TB con un solo piatto

Hitachi Global Storage Technologies ha annunciato i primi hard disk al mondo costituiti da un unico piatto da 1 TB. Dopo essere stata la prima azienda a realizzare un disco da 1.000 MB nel 2007, Hitachi raggiunge un nuovo traguardo a pochi mesi di distanza dall’acquisizione da parte di Western Digital. Nonostante la “minaccia” rappresentata

Hitachi Global Storage Technologies ha annunciato i primi hard disk al mondo costituiti da un unico piatto da 1 TB. Dopo essere stata la prima azienda a realizzare un disco da 1.000 MB nel 2007, Hitachi raggiunge un nuovo traguardo a pochi mesi di distanza dall’acquisizione da parte di Western Digital. Nonostante la “minaccia” rappresentata dagli SSD, la ricerca nel settore degli hard disk magnetici continua dunque senza soste.

La nuova famiglia di hard disk Deskstar 7K1000.D è disponibile nei tagli da 250, 320, 500, 750 e, appunto, 1 TB, con cache da 32 MB, velocità di rotazione pari a 7.200 rpm e interfaccia SATA 6 Gbps. L’azienda dichiara una riduzione dei consumi fino al 16% rispetto ai prodotti della generazione precedente, grazie alla tecnologia HiVERT utilizzata anche nei modelli da 2,5 pollici destinati ai notebook.

Per ridurre lo spreco di spazio e incrementare la capacità utile, Hitachi utilizza la tecnologia Advanced Format che aumenta la dimensione dei settori da 512 byte a 4.096 byte.

Anche la famiglia CinemaStar dedicata alla riproduzione audio/video include un disco rigido da 1 TB su singolo piatto. In questo caso, i drive sono offerti in due versioni: 7K1000.D a 7.200 rpm e 5K1000.B a 5.400 rpm. Nel secondo caso, alla velocità di trasferimento viene preferito un rumore inferiore durante il normale funzionamento.

Ti potrebbe interessare
Sondare le reti P2P: questione di business o di legalità?
Prezzi e tariffe

Sondare le reti P2P: questione di business o di legalità?

Non è semplice, specie alla luce di quanto pubblicato da TorrentFreak, stabilire con precisione quali siano gli interessi di chi si adopera quotidianamente a “scandagliare” le reti peer-to-peer alla ricerca di utenti che scaricano materiale illegale.Certamente, la prima spiegazione sarebbe senz’altro quella che vede in questi moderni “sceriffi digitali” dei veri e propri difensori della