Inondazioni in Thailandia: produzione hard disk sospesa

Le fabbriche sono state chiuse a causa delle alluvioni. Per il 2012 il prezzo degli hard disk è previsto in aumento.

Le recenti alluvioni che hanno colpito la popolazione della Thailandia avranno pesanti ripercussioni sul mercato degli hard disk. Le violenti piogge monsoniche hanno allagato migliaia di abitazioni e costretto alla chiusura circa 14.000 fabbriche, tra cui quelle di Western Digital e Seagate, i due maggiori produttori mondiali.

Le conseguenze negative si manifesteranno nel 2012, quando il numero di dischi rigidi non sarà sufficiente a soddisfare la domanda e probabilmente aumenteranno i prezzi di vendita. Western Digital ha annunciato la chiusura degli stabilimenti per proteggere l’incolumità del personale, mentre i macchinari sono stati spostati in luoghi più sicuri e nei piani più alti delle fabbriche. Molti impianti sono però finiti sott’acqua e ciò rallenterà le fasi produttive almeno fino a marzo. L’azienda produce in Thailandia circa il 60% degli hard disk.

La rivale Seagate invece ha subito danni indiretti. La maggior parte delle sue fabbriche sono al sicuro, ma l’azienda avrà seri problemi di approvvigionamento dei componenti necessari all’assemblaggio degli hard disk. Anche se gli impianti sono pienamente attivi, la stessa fortuna non è capitata ai suoi fornitori.

I principali produttori di PC, tra cui HP e Dell, non riceveranno gli ordinativi richiesti, mentre per Apple l’impatto dovrebbe essere minore dato che in alcuni prodotti utilizza memorie flash. Secondo gli analisti, aumenteranno i prezzi degli hard disk per desktop e notebook. La produzione mondiale invece è prevista in calo del 30%, passando da 176 a 125 milioni di unità nel quarto trimestre.

Ti potrebbe interessare
Doppio patch day per Microsoft e Adobe
Software e App

Doppio patch day per Microsoft e Adobe

Il primo aggiornamento dell’anno in casa Microsoft è costituito da una sola patch, peraltro di importanza critica soltanto per i sistemi Windows 2000. Nello stesso giorno anche Adobe rilascerà una patch per risolvere un grave bug in Acrobat e Reader

Le prospettive del marketing rivolto ai cyber-turisti
Web e Social

Le prospettive del marketing rivolto ai cyber-turisti

Con quasi 223.000 iscritti a metà dicembre 2008, cioè a due mesi dall’annuncio della sua apertura, la Città Proibita Virtuale, realizzata in tre anni da IBM in collaborazione con il Palace Museum, è rapidamente diventata un punto d’attrazione per i cyber-turisti e un caso esemplare di luogo turistico simulato in 3D. I visitatori, naturalmente, sono

Wardriving, legale o contro la legge?
Google

Wardriving, legale o contro la legge?

Abbiamo già parlato tempo fa del fenomeno del wardriving, che in poche parole è una ricerca di reti wireless in giro per la città. Ci è capitato inoltre di segnalare alcuni casi di wardriving illegale e altri casi più legati all’ingeniutà della persona. Sembra che i controlli su questo nuovo tipo di attacco alle reti