DARPA progetta un sensore biometrico per vedere attraverso i muri

Il sistema permetterà di individuare le persone attraverso il battito cardiaco da una distanza di 10 metri.

DARPA, l’agenzia governativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie per uso militare, sta lavorando ad un nuovo e più efficiente sistema in grado di vedere attraverso i muri e di rilevare la presenza di una persona attraverso l’analisi di segnali biologici vitali, come il battito cardiaco. Il programma di sviluppo, denominato “Biometrics-at-a-distance“, non aiuterà solamente i soldati ad individuare il nemico, ma permetterà anche di agevolare e velocizzare l’intervento dei soccorritori nelle operazioni di recupero e salvataggio di persone.

Il nuovo sistema di rilevazione si baserà su due preesistenti progetti sviluppati dal Pentagono: il Radar Scope, un dispositivo che consente di vedere attraverso i muri e il Life Reader, un progetto del 2009 che utilizzata un radar doppler per identificare il segnale cardiaco di una persona nascosta o intrappolata sotto le macerie.

Anche se l’esercito impiega già dei dispositivi simili per l’identificazione di essere umani coperti da oggetti e spesse mura, DARPA è convinta che ci sono ancora ampi margini di miglioramento. In particolare, le attuali tecnologie radar possono raggiungere una distanza massima di 8 metri e non riescono ad essere sufficientemente accurate nelle aree densamente popolate. Per questo l’agenzia americana è intenzionata a sviluppare un nuovo dispositivo in grado di incrementare la portata massima oltre i 10 metri, migliorando la capacità di penetrazione anche in presenza di materiali spessi e difficili da attraversare.

Inoltre, proprio per migliorare l’efficienza del sistema, quest’ultimo utilizzerà anche un sensore per l’identificazione dei singoli esseri umani tramite il tracciamento elettromiografico a distanza dell’attività elettrica del cuore. Secondo la DARPA questo consentirà di migliorare le performance anche in aree densamente abitate, consentendo di individuare contemporaneamente fino a 10 persone.

I Video di Webnews

IJF16, Energy Meeting: Simona Panseri

Ti potrebbe interessare
Movie Cube?R: il mediaplayer secondo Emtec
alta definizione

Movie Cube?R: il mediaplayer secondo Emtec

Nel campo dei mediaplayer, forse, non sempre è necessario cercare l’HD a tutti i costi, talvolta si possono ottenere interessanti risultati puntando su dispositivi, magari non dotati di riproduzione a 1080p, ma che possano contare su una buona nitidezza nei video e nelle immagini e altrettanto buona qualità audio, sia in uscita analogica, sia in

Mediaroom supera quota un milione
Prezzi e tariffe

Mediaroom supera quota un milione

In un articolo precedente vi avevo già parlato di Mediaroom, la piattaforma multimediale della Microsoft. Allo scorso CES, la società di Redmond ha dato orgogliosamente la notizia del raggiungimento di un milione di utenti IPTV serviti dalle set-top-box abbinate al proprio prodotto. Le set-top-box sono gli apparecchi che fanno sì che i contenuti video digitali

Sony Cyber-shot DSC-T2
Imaging

Sony Cyber-shot DSC-T2

L’ultima novità di casa Sony si chiama Cyber-shot DSC-T2 ed è una macchina con un design sbarazzino, grazie anche ai 5 colori (blu, rosa, verde, argento e nera) in cui è disponibile. Dimensioni compatte – appena 86,8 (L) x 56,8 (A) x 20,2 (P) – ed un peso di circa 130 grammi rendono perfetta questa

L’arrivo di Leopard
Apple

L’arrivo di Leopard

MacOSX 10.5 (nome in codice Leopard) è la prossima versione del sistema operativo di Apple che arriverà sui nostri Mac entro la fine di questa primavera. Ma quando esattamente? Una data ufficiale ancora non c’è, ma possiamo provare a fare qualche ipotesi. La primavera finisce il 21 giugno, quindi entro quella data il nuovo MacOSX