Intel posticipa Cedar Trail e Samsung abbandona i netbook

La mancata certificazione dei driver video ha provocato un ennesimo ritardo. Intanto Samsung scende dalla nave che affonda.

Cedar Trail poteva essere la piattaforma che avrebbe portato qualche novità sul mercato dei netbook, ormai in crisi profonda. I produttori speravano di lanciare nuovi modelli entro Natale, ma i problemi con il sottosistema grafico hanno costretto il chipmaker di Santa Clara ad un ennesimo posticipo al 2012.

I processori Intel N2600 e N2800, rispettivamente, con frequenze di 1,66 GHz e 1,83 GHz, integrano una nuova GPU che, teoricamente, è compatibile con le DirectX 10. Intel non è riuscita ad ottenere la certificazione WHQL da Microsoft per i driver Windows, per cui la compatibilità è limitata alle DirectX 9 e alla versione a 32 bit di Windows 7.

Senza l’approvazione di Microsoft, i partner di Intel non possono presentare i propri netbook già pronti per la distribuzione nei negozi. Solo ASUS ha realizzato ben cinque modelli che, a questo punto, rischiano di rimanere invenduti quando arriveranno sul mercato. La presunta data di lancio dovrebbe essere metà gennaio.

Dato che la quota di mercato è in caduta libera, Samsung ha deciso di abbandonare i netbook al loro destino:

In seguito all’introduzione della nostra nuova strategia per il 2012, cesserà la produzione dei netbook da 10,1 pollici nel primo trimestre 2012, a favore di ultraportatili (11,6 e 12 pollici) e ultrabook.

L’azienda coreana non ha un market share molto elevato, ma la decisione potrebbe avere un effetto a cascata. Siamo curiosi di sapere cosa decideranno ASUS e Acer.

I Video di Webnews

Il robot ispirato agli scarafaggi: CRAM

Ti potrebbe interessare