Vestiti hi-tech: il cotone diventa un transistor

Le fibre di cotone sono state trattate con nanoparticelle d’oro e trasformate in fili conduttivi.

I ricercatori Annalisa Bonfiglio e Giorgio Mattana dell’Istituto nanoscienze del CNR e dell’Università di Cagliari, e Beatrice Fraboni dell’Università di Bologna sono riusciti a realizzare una fibra conduttiva utilizzando un filo di cotone. La scoperta apre le porte alla cosiddetta “elettronica indossabile“, dove i circuiti elettronici sono sostituiti da tessuti organici.

In realtà, le ricerche in questo campo sono iniziate oltre 15 anni fa, ma finora nessuno era riuscito ad ottenere un indumento elettronico con una riduzione dell’ingombro dei dispositivi. Il gruppo di ricercatori italiani ha dunque trasformato il cotone in un materiale conduttivo, depositando un sottile strato di nanoparticelle d’oro e di polimeri conduttivi e semiconduttivi.

Annalisa Bonfiglio ha dichiarato:

Sul mercato ci sono già indumenti elettronici, capaci ad esempio di monitorare il battito cardiaco di chi li indossa o di rilevare eventuali fattori di rischio nell’ambiente. Il limite, fino ad oggi, è stato l’ingombro dei dispositivi incorporati nei tessuti e la scarsa adattabilità agli indumenti delle parti rigide di dispositivi e connettori. Inoltre, i tentativi di realizzare direttamente dispositivi elettronici a livello di fibre e fili si scontra con la scarsa compatibilità tra i materiali costituenti – metalli e semiconduttori come il silicio – e le caratteristiche di adattabilità e di comfort necessarie a un capo di abbigliamento.

La tecnologia permetterà di realizzare dispositivi passivi, come resistenze ottenute da fili di cotone elettricamente conduttivi, e dispositivi attivi: i transistor elettrochimici organici (OECT) e i transistor ad effetto di campo organici (OFET). Il lavoro dei ricercatori è stato pubblicato sulla rivista internazionale Organic Electronics.

In futuro potremo avere tessuti intelligenti, in grado di monitorare il battito cardiaco o rilevare la temperatura corporea, utili alla realizzazione di capi per i lavoratori a rischio, per monitorare i pazienti o per atleti che praticano sport estremi.

Ti potrebbe interessare
L’Asia esaurisce gli indirizzi IPv4
Prezzi e tariffe

L’Asia esaurisce gli indirizzi IPv4

Gli ultimi blocchi degli indirizzi del vecchio standard IPv4 assegnati da tempo, piano piano si stanno esaurendo, cosa che rende la migrazione verso il nuovo standard IPv6 sempre più necessaria e urgente. Arriva infatti dall’Asia la notizia che i blocchi di indirizzi destinata agli operatori e provider di quell’area si sono esauriti prima del previsto.

È arrivato uTorrent per Mac
Prezzi e tariffe

È arrivato uTorrent per Mac

Qualche mese fa la comunità degli sharer su Mac era stata avvisata dell’imminente rilascio di una versione per OS X del famoso client uTorrent e una prima alpha dell’applicazione era stata immessa illegalmente nei circuiti di sharing.Da poche ore gli sviluppatori hanno ufficialmente rilasciato la prima beta pubblica di uTorrent per Mac. La notizia è

Fusion vs Parallels
Apple

Fusion vs Parallels

Con l’avvento dei Mac su chip Intel si è aperta una grossa opportunità: la virtualizzazione.Oltre a Boot Camp, Windows può girare anche virtualizzato. La virtualizzazione permette di far girare contemporaneamente due sistemi operativi con un’interazione quasi totale fra i due sistemi, cosa non possibile con Boot Camp.Se vogliamo spostare un file da Mac a Win