Vestiti hi-tech: il cotone diventa un transistor

Le fibre di cotone sono state trattate con nanoparticelle d’oro e trasformate in fili conduttivi.

I ricercatori Annalisa Bonfiglio e Giorgio Mattana dell’Istituto nanoscienze del CNR e dell’Università di Cagliari, e Beatrice Fraboni dell’Università di Bologna sono riusciti a realizzare una fibra conduttiva utilizzando un filo di cotone. La scoperta apre le porte alla cosiddetta “elettronica indossabile“, dove i circuiti elettronici sono sostituiti da tessuti organici.

In realtà, le ricerche in questo campo sono iniziate oltre 15 anni fa, ma finora nessuno era riuscito ad ottenere un indumento elettronico con una riduzione dell’ingombro dei dispositivi. Il gruppo di ricercatori italiani ha dunque trasformato il cotone in un materiale conduttivo, depositando un sottile strato di nanoparticelle d’oro e di polimeri conduttivi e semiconduttivi.

Annalisa Bonfiglio ha dichiarato:

Sul mercato ci sono già indumenti elettronici, capaci ad esempio di monitorare il battito cardiaco di chi li indossa o di rilevare eventuali fattori di rischio nell’ambiente. Il limite, fino ad oggi, è stato l’ingombro dei dispositivi incorporati nei tessuti e la scarsa adattabilità agli indumenti delle parti rigide di dispositivi e connettori. Inoltre, i tentativi di realizzare direttamente dispositivi elettronici a livello di fibre e fili si scontra con la scarsa compatibilità tra i materiali costituenti – metalli e semiconduttori come il silicio – e le caratteristiche di adattabilità e di comfort necessarie a un capo di abbigliamento.

La tecnologia permetterà di realizzare dispositivi passivi, come resistenze ottenute da fili di cotone elettricamente conduttivi, e dispositivi attivi: i transistor elettrochimici organici (OECT) e i transistor ad effetto di campo organici (OFET). Il lavoro dei ricercatori è stato pubblicato sulla rivista internazionale Organic Electronics.

In futuro potremo avere tessuti intelligenti, in grado di monitorare il battito cardiaco o rilevare la temperatura corporea, utili alla realizzazione di capi per i lavoratori a rischio, per monitorare i pazienti o per atleti che praticano sport estremi.

I Video di Webnews

Lo smartphone Sharp Aquos R Compact

Ti potrebbe interessare
Social network e produzione aziendale
Web e Social

Social network e produzione aziendale

Considerata l’enorme diffusione dei social network, che stanno influendo sempre di più su molti aspetti della nostra vita, non si può non indagare sul rapporto che si è venuto a creare negli ultimi tempi tra social network e produzione aziendale, la quale sembra non restare immune dagli effetti prodotti dall’uso dei network sociali. I dati

Apple rimborserà gli iPod Nano graffiati
Business

Apple rimborserà gli iPod Nano graffiati

Apple ha acconsentito al patteggiamento di una class action che porterà ai possessori di iPod Nano di prima generazione la possibilità di un piccolo risarcimento. Ma ad uscire vincitori dalla causa sembrano essere anzitutto i legali dell’accusa

L’iPhone Day, poche code e tanto chiacchiericcio
Apple

L’iPhone Day, poche code e tanto chiacchiericcio

Alla fine qualcuno davanti ai negozi TIM c’era, a Milano e a Roma le file maggiori, a Torino segnalate circa 300 persone… Gli Apple Store sono andati giù per pochi minuti e poi sono tornati online con le novità (iPhone e accessori). Questa mattina il traffico su Webnews sta impazzendo, quindi tantissimo interesse per l’iPhone…

Eee Pc si prepara al touchscreen
Gadget e Device

Eee Pc si prepara al touchscreen

Asus preannuncia per la propria linea Eee Pc un nuovo dispositivo dotato di GPS, touchscreen e memoria rinforzata. Il tutto per 500 dollari circa, entro l’estate. Asus scommette ancora sul low cost, ma aggiunge funzionalità