Censis: TV, DTT e diffusione dei media in Italia

Censis: gli italiani, in particolare i più giovani, preferiscono utilizzare più mezzi di comunicazione per acquisire informazioni.

Il 45° rapporto Censis sulla situazione sociale dell’Italia dipinge una popolazione che sceglie ancora la televisione come principale mezzo di informazione, ma la disponibilità dei nuovi media sta spingendo gli utenti sempre più verso la creazione di un proprio palinsesto personalizzato, costituito dalle notizie acquisiti da vari canali.

Secondo i dati raccolti nel capitolo “Comunicazione e media”, il 97,4% degli italiani si informa attraverso la TV, una percentuale molto alta raggiunta anche grazie alla progressiva diffusione del digitale terrestre (76,4% della popolazione), che consente di scegliere tra un numero di canali maggiore rispetto alla vecchia televisione analogica. L’uso del satellite, invece, rimane costante (35,2%), mentre cresce del 2,6% l’accesso alla web TV, un dato incoraggiante anche se la percentuale di questo mezzo di comunicazione rimane basso (17,8%).

Molto elevato il numero di italiani che ascolta la radio (80%), attraverso l’autoradio (65,2%), Internet (8,4%) e cellulare (7,8%). Continua invece la crisi dei quotidiani (-19,2% rispetto al 2007), in parte mitigata dalle versioni online che hanno raggiunto il 18,2% di utenti con un aumento dello 0,2%. Resistono i settimanali (28,5% di utenza), apprezzati più dalle donne che dagli uomini.

I libri cartacei vengono preferiti dal 56,2% degli italiani, mentre gli eBook sono ancora un prodotto di nicchia (1,7%), anche se l’arrivo in Italia del Kindle potrebbe portare a un incremento di questa percentuale in poco tempo. Leggera flessione per i cellulari (-5,5% in due anni), ma cresce il numero di persone (giovani in particolare) che utilizza uno smartphone (+3,3%).

I dati pubblicati dal Censis riprendono quelli già diffusi a luglio e inclusi nel 9° Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione.

Ti potrebbe interessare
In bocca al lupo, Larry!
Business

In bocca al lupo, Larry!

A partire dal 4 aprile prossimo Larry Page sarà ufficialmente il nuovo CEO di Google, sostituendo Eric Schmidt nelle operazioni quotidiane a capo del gruppo

Un prontuario farmaceutico anche per iPhone, con iFarmaci
Software e App

Un prontuario farmaceutico anche per iPhone, con iFarmaci

Con la crescita degli application store, non accennano a diminuire gli applicativi dedicati agli studenti ed ai professionisti, e la robustezza di iPhone ed iPod touch.Dopo avervi presentato Apple. Con un database di quasi 9000 medicinali in oltre 30 mila formulazioni, iFarmaci è un applicativo prodotto dall’italiana Infofarm.NET che fornisce tutte le informazioni desiderate per

Per l’Unione Industriale l’ICT non è a rischio crisi
Web e Social

Per l’Unione Industriale l’ICT non è a rischio crisi

Ciò che emerge dall’ultimo rapporto dell’Unione Industriale Torino, associazione volontaria di imprese aderente a Confindustria, è l’imprescindibilità dell’ICT per le aziendeclienti e, pertanto, settore toccato solo marginalmente dalla crisi che sta investendo l’economia mondiale in questi mesi.In Piemonte, l’Information and Communication Technology rappresenta una fetta consistente dell’economia, dando lavoro a 110.000 addetti, occupati in una

La Terra in esclusiva per Google
Web e Social

La Terra in esclusiva per Google

Grazie a un recente accordo, Google potrà utilizzare le immagini ad alta definizione che nei prossimi mesi fornirà il nuovo satellite GeoEye-1. Il patto, in esclusiva, consentirà a Mountain View di migliorare la qualità del suo servizio Maps

Tiscali, 2006 a gonfie vele
Business Prezzi e tariffe

Tiscali, 2006 a gonfie vele

Tiscali chiude il 2006 con cifre proprie di un successo: ricavi in forte aumento, 3.5 milioni di clienti e la ciliegina sulla torta arriva dall’ennesimo rumor circa una possibile fusione con Fastweb. Si prospetta una buona giornata a Piazza Affari