Intel corregge una vulnerabilità nei suoi processori

Il chipmaker californiano ha pubblicato una patch per la Trusted Execution Technology e consiglia di aggiornare il BIOS.

Intel ha comunicato di aver risolto una grave vulnerabilità che riguarda la tecnologia TXT (Trusted Execution Technology) implementata nei suoi processori. Il bug, scoperto dai ricercatori di sicurezza di Invisible Things Lab, consentiva di bypassare Intel TXT e di compromettere la SMRAM (System Management RAM).

La vulnerabilità colpiva proprio il meccanismo implementato dal chipmaker di Santa Clara per proteggere il sistema operativo da eventuali attacchi software. La tecnologia TXT consente infatti alle aziende di controllare in che modo le informazioni vengono memorizzate, elaborate e scambiate sui loro sistemi.

Intel ha pubblicato un bollettino di sicurezza con il quale informa della disponibilità di un aggiornamento per il microcodice e per il modulo SINIT ACM (Authenticated Code Module). Come si può notare, sono interessati quasi tutti i processori, inclusi i recenti Core i5 e i7 basati sull’architettura Sandy Bridge.

Fortunatamente Intel TXT è presente solo sulle schede madri con chipset di classe business, indicati con la lettera Q nel nome, ad eccezione dei chipset GM45, GS45 e PM45 Express per notebook con CPU Core 2 Quad, Core 2 Duo e Core 2 Solo. Gli utenti dovranno installare il BIOS aggiornato o, in alternativa, disattivare la tecnologia TXT.

Ti potrebbe interessare
Internet come diritto fondamentale dell’essere umano
Web e Social

Internet come diritto fondamentale dell’essere umano

Un’interessante ricerca condotta da GlobeScan e riportata sulle pagine di Yahoo!, evidenzia quanto la popolazione di tutto il mondo ritenga importante il poter accedere in modo libero da qualsiasi costrizione a Internet. Su un campione di circa 27.000 persone residenti in 26 paesi diversi, il 78% ritiene che la possibilità di connettersi al Web debba

Alcuni dettagli sulla nuova versione di Android
Android

Alcuni dettagli sulla nuova versione di Android

Arrivano dalla rete alcuni dettagli su “Donut“, ovvero la prossima versione di Android, il sistema operativo mobile open source di Google. Donut non è nulla più, quindi, che il nome in codice del prossimo aggiornamento per Android, grazie al quale gli sviluppatori potranno aggiungere nuove funzioni e rendere più completi gli apparecchi basati su questo

Newton: il virus non virus per Mac
Imaging

Newton: il virus non virus per Mac

Troika, uno studio di arte e design londinese, ha ideato questo Newton Virus, che sfruttando la tecnologia sudden motion sensor dei portatili più recenti, fa collassare tutti gli elementi presenti sul desktop (icone e barre dei menù). Come avrete capito, non si tratta di un virus vero e proprio: Newton fa parte di un ampio

Aggregatori per ogni gusto
Web e Social

Aggregatori per ogni gusto

L’aggregatore è un prodotto dell’infomation overload e indica un sito web che riunisce e segnala i contenuti di numerose fonti di notizie o blog, cercando di porre in visibilità nei confronti del lettore quelli ritenuti migliori. Con il moltiplicarsi di siti, blog, vlob, flog e fonti di informazione per l’utente attivo della Rete è sorta

Guida al benchmark DirectX 10 con Crysis
benchmark directx

Guida al benchmark DirectX 10 con Crysis

Abbiamo parlato di benchmark DirectX 10 a proposito dell’imminente uscita del nuovo 3D Mark Next ed abbiamo accennato alla possibilità di effettuarne tramite il noto Crysis, uno dei giochi più esosi di risorse degli ultimi tempi. Ma come fare ad ottenere da un gioco dei valori comparabili? Crytek, casa di sviluppo del gioco, ha inserito