James e Rosie: i robot che preparano sandwich e popcorn

I robot riescono a preparare alcuni piatti in modo autonomo senza nessuna istruzione passo-passo.

James e Rosie non sono i nomi di due chef, ma di due robot che hanno imparato a destreggiarsi in cucina per preparare qualche semplice piatto, come sandwich e popcorn. I robot lavorano in coppia e svolgono le varie operazioni in modo autonomo, ovvero senza seguire specifiche istruzioni preprogrammate.

James e Rosie sono stati realizzati dalla Technical University di Monaco utilizzando diversi tipi di attuatori per le braccia, che consentono di avere fino a 7 gradi libertà, e per le due mani composte da quattro dita. I robot eseguono i compiti sulla base di un ragionamento inferenziale e in seguito ad input esterni. Per preparare il sandwich, ad esempio, Rosie individua il pane e gli strumenti necessari attraverso Kinect, il noto sensore Microsoft che integra una videocamera 3D.

Il funzionamento dei robot non è ancora perfetto, ma i ricercatori dell’università tedesca hanno dimostrato come sia possibile far eseguire ad un robot compiti complessi senza fornire le singole istruzioni. In particolare, uno dei limiti attuali è la velocità di esecuzione, come si può notare nel video in fondo all’articolo.

Sono in corso altre ricerche nel mondo focalizzate sulla creazione di “robot da cucina”, ma per sostituire il cuoco di un ristorante passerà ancora molto tempo.

Ti potrebbe interessare
Trascend MP330: lettore MP3 OLED in soli 25 grammi
oled

Trascend MP330: lettore MP3 OLED in soli 25 grammi

Tra la miriade di lettori MP3 disponibili sul mercato, il nuovo Trascend MP330 si distingue grazie ad alcune caratteristiche particolari, che lo rendono appetibile per coloro in cerca di un dispositivo compatto, dotato di sufficiente spazio per lo storage dei brani e con un’ottima qualità di riproduzione.Solo 25 grammi di peso, per un ingombro complessivo

“Come fui ingannato da una macchina durante il test di Turing”
Web e Social

“Come fui ingannato da una macchina durante il test di Turing”

Sul Times OnLine il giornalista Will Pavia fa un interessante racconto della sua esperienza come giudice del 18esimo Loebner Prize, un concorso di talenti per computer. In sostanza una gara di intelligenza artificiale condotta attraverso il test di Turing.Alan Turing era un matematico degli anni ’50 che tra le altre cose delineò alcune delle prime