Canon Eos C300, al via i pre-order a 16 mila dollari

La Canon Eos C300 si avvicina al lancio negli USA: ecco data e prezzo.

La Canon Eos C300, videocamera pensata per il cinema e i professionisti, è disponibile per il pre-order negli Stati Uniti al prezzo di 15.999 dollari. La data di uscita dell’apparecchio presentato dalla società nel mese di novembre resta fissata per la fine del mese. Si attendono ancora dettagli invece per quanto riguarda il mercato europeo.

Nonostante le dimensioni compatte, insieme a un design curato e bello da vedere, la Canon Eos C300 garantisce ottima qualità e massime prestazioni. Il sensore CMOS in formato Super35mm, con risoluzione pari a 8.29 megapixel (4K), permette di registrare immagini in Full HD. Il DIGIC DV III imaging processor, consente invece un’altrettanto ottima gestione dei colori, con il risultato che può essere modulato con cinque obiettivi differenti venduti separatamente.

La Canon Eos C300 è completa anche di impugnatura regolabile e unità monitor LCD da 4 pollici con due ingressi audio XLR: entrambi gli elementi possono essere staccati per favorire una maggiore portabilità della videocamera. Pensata per la cinematografia digitale, la Canon Eos C300 ha anche l’obiettivo di avvicinare chi vuole impratichirsi con l’arte del cinema tramite un prezzo tutto sommato accessibile viste le qualità e le caratteristiche promesse.

Ulteriori informazioni sono attese nei prossimi giorni con l’avvicinarsi del lancio statunitense, così da poter scoprire quando, e a che prezzo, sarà disponibile in Europa.

Ti potrebbe interessare
Free-hotspot porta il WiFi gratis in Italia
Prezzi e tariffe

Free-hotspot porta il WiFi gratis in Italia

Free-Hotspot.com è pronto a portare la connettività wireless gratuita anche in Italia. Il gruppo, già ricco di 600 hotspot in tutta Europa, ha identificato un sistema di ‘scratch card’ per autenticare rapidamente gli utenti limitando l’handicap normativo

Zune, chi condivide guadagna
Software e App

Zune, chi condivide guadagna

Chi condivide guadagna: il movimento Fon ha adottato un’etica di lavoro simile per il profilo ‘Bill’ e probabilmente c’è stato qualcosa di profetico in ciò. Alcuni rumor sempre più ridondanti sembrano infatti accreditare a Microsoft l’idea per cui la condivisione dei brani detenuti sul proprio Zune possa essere una attività addirittura redditizia. Nessuna conferma ufficiale,