MinION DNA Sequencer: il DNA in una chiavetta USB

MinION è un piccolo dispositivo con porta USB che permette la decodifica del DNA in circa sei ore.

Molto presto per decodificare il DNA non saranno più necessari macchinari costosi, ma sarà sufficiente utilizzare un dispositivo portatile grande come una pen drive. Anzi, il DNA sequencer porgettato dall’azienda inglese Oxford Nanopore, è proprio una chiavetta USB. Il nome di questo prodotto rivoluzionario è MinION, che sarà in commercio entro fine anno ad un prezzo di 900 dollari, meno di 700 euro.

Il sequenziamento del DNA avviene normalmente in laboratorio, utilizzando una tecnica complessa ma molto lenta. Oxford Nanopore, invece, ha promesso che la decodifica del genoma può avvenire in circa sei ore, grazie ad una tecnologia che ha ispirato il nome dell’azienda inglese.

MinION è basato su un sistema di analisi formato da un filtro bio-meccanico combinato con alcuni enzimi che spingono il DNA ad attraversare una membrana composta da nanopori. La doppia elica viene “srotolata”, passando in questi fori con un diametro pari ad un nanometro, e le coppie di basi vengono esaminate una alla volta, nell’ordine in cui attraversano i nanopori.

Applicando una piccola tensione alla membrana (dalla porta USB), si genera un’impronta elettrica che permette di decodificare i singoli nucleotidi (Adenina, Citosina, Guanina e Timina) e registrare sul computer la sequenza ordinata. Oxford Nanopore ha realizzato anche un dispositivo di maggiori dimensioni, denominato GridION, con il quale è possibile sequenziare l’intero genoma umano in 15 minuti, grazie all’utilizzo di una membrana composta da 8.000 nanopori.

Il traguardo raggiunto dall’azienda inglese è ancora più importante se si considera che, circa 12 anni fa, il sequenziamento aveva richiesto un anno di lavoro. Il prossimo obiettivo è ridurre la probabilità di errore a meno dell’1%, dato che al momento questo valore è pari a circa il 4%.

Ti potrebbe interessare
Samsung presenta l’Ultra Definizione
Samsung

Samsung presenta l’Ultra Definizione

È già da tempo cominciata la corsa al primato dello schermo LCD più grande mai realizzato o con più alta definizione; ha cominciato LG, qualche mese fa, con un display da 72 pollici e, a oggi, resta un record imbattuto.Samsung, invece, si aggiudica il primo premio per la definizione: è notizia di queste ore la

Tecnostressati a rischio impotenza
Web e Social

Tecnostressati a rischio impotenza

Sempre aggiornati sul crollo delle borse, sui nuovi convegni informatici, sull’andamento dell’azienda, su tutto ciò che riguarda il resto del mondo. Poi, a sera, rientrate a casa, con lo sguardo fascinoso del manager in carriera, pronti a far cadere la fanciulla fra le vostre braccia.Qualcosa però si inceppa e non tutto “funziona” come dovrebbe. Premettendo

82″ a 3840×2160 per il monitor quad HD di Samsung
Web e Social

82″ a 3840×2160 per il monitor quad HD di Samsung

Samsung è da sempre in prima linea nello sviluppo di nuovi pannelli LCD ad alta definizione ed ha raggiunto ormai degli ottimi risultati in quanto a quote di mercato in questo specifico settore. L’ultimo prototipo sfornato è uno schermo da ben 82 pollici con risoluzione Quad HD (Ultra-Definition) di ben 3840×2160 pixel.Parliamo di una risoluzione

Nokia a cuore aperto
Android

Nokia a cuore aperto

Con l’OPA su Trolltech lanciata da Nokia, il colosso finlandese punta dritto all’utilizzo di Linux nei suoi terminali di fascia alta, rispondendo ad Android e alla Open Handset Alliance. Il mercato degli smartphone dal cuore OpenSource si fa più complesso

Il tippingpoint di 3COM
Prezzi e tariffe

Il tippingpoint di 3COM

I nuovi prodotti di casa 3COM sono basati e sviluppati sul motore di soppressione di minacce chiamato TippingPoint (TSE).Il funzionamento è semplice. Quando i pacchetti attraversano l’IPS, sono controllati per determinare se siano legittimi o malevoli istantaneamente e fin qui tutto secondo la norma. Quello che evidenzia la 3COM però sono la trasparenza nelle prestazioni