Anonymous, l’Interpol arresta 25 membri del gruppo di pirati informatici

Anonymous, l’Interpol ha dichiarato di aver arrestato 25 membri del famoso gruppo di pirati informatici

Interpol ha arrestato 25 membri del noto gruppo di pirati informatici Anonymous. L’operazione denominata “Operation Unmask” si è svolta in 15 città tra Argentina, Cile, Colombia e Spagna ed è andata a colpire i soggetti che avevano preso parte ad alcune importanti operazioni di pirateria informatica contro i governi sudamericani e alcune importanti aziende private. I soggetti arrestati avrebbero età comprese tra i 17 e i 40 anni. Inoltre l’Interpol avrebbe sequestrato anche oltre 250 dispositivi tra computer, telefonini e altro materiale informatico che saranno analizzati dagli inquirenti nelle prossime settimane.

Si dice anche, ma la notizia non è confermata del tutto, che tra i 25 arrestati ci sia anche un membro di spicco di Anonymous che risponderebbe al nome di Guy Fawkes conosciuto anche come Thunder e Pacotron.

Come hanno sottolineato i vertici dell’Interpol, questa operazione ha voluto dimostrare che anche i crimini virtuali come quelli informatici portano comunque a conseguenze reali. Internet infatti non è un porto franco dove poter agire illegalmente sperando di non avere conseguenze.

Gli Anonymous o almeno il gruppo superstite, non è stato ovviamente a guardare. Come risposta all’azione di polizia, il gruppo di pirati informatici ha prontamente attaccato e messo fuori servizio il sito Web dell’Interpol. La “guerra” tra gli Anonymous e le autorità giudiziarie continua, quale sarà la prossima mossa?

Ti potrebbe interessare