Sony Alpha A57, primi scatti fotografici di prova

Sony Alpha A57 messa alla prova da un portale straniero: ecco i primi scatti effettuati con la translucent mirror.

La Sony Alpha A57, nuova fotocamera translucent mirror dedicata perlopiù al mercato consumer del colosso giapponese, è stata provata in anteprima dal portale DPReview.com che ha anche realizzato una serie di scatti di prova disponibili nell’apposita gallery allegata a questo articolo. Fotografie che mostrano certamente un’ottima qualità di questa macchina, erede della già parecchio apprezzata Alpha A55.

Qualità che era possibile già immaginare viste le caratteristiche tecniche del dispositivo. La Sony Alpha A57 è dotata infatti di un sensore integrato APS CMOS Exmor HD da 16.1 megapixel effettivi, accompagnato da un mirino elettronico di 1.44 megapixel e la caratteristica funzione Continuous Advance Priority AE che, bloccando l’apertura a f3.5, permette di scattare a 12 frame al secondo a 8.4 megapixel, anche con autofocus attivo.

Possono anche essere registrati filmati in Full HD con una fluidità di 60 frame al secondo. L’autofocus è a 15 punti mentre l’estensione ISO va da 100 a 16.000 (25600 estesa). Il corpo della macchina comprende anche un display LCD da 3 pollici montato su un apposito telaio orientabile.

La Sony Alpha A57 comprende anche l’interessante funzionalità Face Detection che offre l’opportunità all’utente di inquadrare perfettamente il soggetto tagliando lo sfondo per regalare scatti perfettamente equilibrati in orizzontale e verticale. Da segnalare inoltre l’esclusiva tecnologia Sony chiamata By Pixel Super Resolution, utile per verificare l’effettiva quantità di pixel in fotografie tagliate o con zoom elevato.

La fotocamera dovrebbe essere disponibile nel mese di aprile anche in Italia a un prezzo ancora da definire. La fascia in cui andrà a inserirsi la Sony Alpha A57 sarà comunque quella compresa tra i 700 e gli 800 euro.

Ti potrebbe interessare
Muzicons: condividere musica con smiley personalizzate
Web e Social

Muzicons: condividere musica con smiley personalizzate

Specialmente tra i giovani la musica si configura come un elemento di aggregazione. I giovani utilizzano il Web per reperire musica da ascoltare e trovano su Internet tanti modi per condividere la loro musica preferita.Sono tante ormai le applicazioni che danno questa possibilità. Una di queste è Muzicons, una maniera semplice e funzionale per caricare

MPAA: «Faremo come la RIAA»
Intrattenimento Web e Social

MPAA: «Faremo come la RIAA»

La MPAA ha intenzione di seguire (in parte) le orme della RIAA: 200 denunce per scambio di file illegali tramite P2P potrebbero arrivare entro pochi giorni, ma la MPAA dispone parallelamente una strategia ‘della carota’ che punta ad educare gli utenti.