Mac App Store: sandbox obbligatoria a giugno

Apple ha inviato un’email agli sviluppatori di OS X per ricordare l’obbligatorietà della sandboc a partire dal primo di giugno.

Dall’1 giugno 2012 tutte le applicazioni su Mac App Store dovranno disporre della funzionalità sandbox e Apple ha appena inviato un messaggio di posta elettronica agli sviluppatori per ricordarlo. Un promemoria, dunque, che possa spingere quei developer che non hanno ancora aggiornato le proprie app a farlo.

Le nuove regole sarebbero dovute entrare in vigore nello scorso novembre, ma Apple ha deciso di rinviarne l’applicazione al primo giugno, così da concedere molto più tempo ai developer per adeguarsi. A ogni modo, in questa data tutte le app che, su Mac App Store, non saranno sandbox, non saranno più fruibili dall’utente, dunque gli sviluppatori sono invitati a rilasciare un aggiornamento che possa soddisfare i requisiti richiesti dalla Mela.

L’uso della sandbox estesa a tutte le applicazioni esistenti su Mac App Store renderà OS X più simile a iOS, ovvero un sistema operativo meno flessibile ma anche più stabile e semplice da usare. Questa iniziativa consente infatti una maggiore sicurezza rispetto agli altri metodi di programmazione utilizzati finora, poiché va ad isolare l’app e a limitarne la possibilità di accedere a vari elementi del sistema operativo, così da rendere più difficile la compromissione del sistema da parte dei malware.

Per Apple, il sandboxing è un ottimo metodo per proteggere il sistema e gli utenti, dunque ha deciso di imporlo agli sviluppatori con rigide barriere del tutto simili a quanto si vede su iOS e sul suo App Store. Sarà perciò un passo probabilmente scomodo, ma che va a limitare su OS X le possibili infezioni da malware.

Ti potrebbe interessare
Le aziende HiTech bloccano le assunzioni

Le aziende HiTech bloccano le assunzioni

Il pesante clima imposto dalla crisi economica non risparmia le aziende dell’HiTech, in particolar modo quelle dell’elettronica e dell’elettrotecnica, e fa registrare un contraccolpo soprattutto sui piani di dimensionamento delle risorse umane.Infatti, stando ai dati ottenuti dall’Osservatorio congiunturale presentato da Confindustria Anie, Intesa Sanpaolo e Unioncamere, in collaborazione con l’istituto Tagliacarne, emerge che sette aziende