Market share: Internet Explorer 11 supera il 25%

Internet Explorer 11 incrementa la sua quota di mercato e supera il 25%. Chrome conserva il secondo posto, mentre Firefox perde ulteriore terreno.

Parliamo di

Dopo un inseguimento durato quasi un anno, lo scorso mese Internet Explorer 11 ha finalmente superato Internet Explorer 8. A novembre, l’ultima versione del browser ha rafforzato la sua leadership, incrementando ulteriormente la sua quota di mercato e il divario dal suo antenato. IE11 è ora utilizzato sul 25,49% dei dispositivi, mentre IE8 è stato quasi raggiunto da Chrome 38. I dati pubblicati da Net Applications sono chiaramente correlati alla diffusione dei sistemi operativi Microsoft.

Come è noto, Internet Explorer 8 è l’ultima versione compatibile con Windows XP. Il suo declino è quindi legato all’abbandono di Windows XP da parte di Microsoft e dallo switch verso un sistema operativo più moderno effettuato dagli utenti. Su Windows 7, infatti, è possibile installare Internet Explorer 11. La quota di mercato di IE8 è diminuita dal 17,31% di ottobre al 15,11% di novembre (-2,2%). Nello stesso intervallo di tempo, IE11 ha ottenuto un incremento di 1,44 punti percentuali, passando dal 24,05% al 25,49%. Questo risultato positivo è indubbiamente dovuto alla maggiore diffusione di Windows 8.1, in cui il browser è già preinstallato.

Considerando le varie versioni del browser Microsoft, Internet Explorer occupa saldamente il promo posto con il 58,94% (+0,45% rispetto ad ottobre). Dopo mesi di costante crescita, Chrome ha rallentato la sua corsa, perdendo 0,68 punti percentuali. Ora la quota di mercato del browser Google è del 20,57%. Firefox (13,26%) non ne ha approfittato, perdendo un altro 0,65% in un mese.

Market share browser

Per quanto riguarda le singole versioni, Chrome 38 è la più diffusa con una quota dell’11,25%. Firefox 32 (5,99%) è invece più utilizzato di Firefox 33 (4,43%), nonostante quest’ultimo sia disponibile da oltre un mese e mezzo. Si tratta sicuramente di una brutta notizia per Mozilla. Molti utenti non hanno effettuato l’upgrade oppure sono passati alla concorrenza.

Ti potrebbe interessare