Windows 10, preparare il PC all’upgrade

Il 29 luglio Microsoft rilascerà ufficialmente Windows 10 per PC; alcuni suggerimenti per effettuare un upgrade senza intoppi

Parliamo di

Microsoft il 29 luglio inizierà il rilascio di Windows 10 che come oramai noto sarà disponibile sotto forma di upgrade gratuito per tutti i possessori di un PC Windows 7, Windows 8 e Windows 8.1. Sebbene la casa di Redmond abbia affermato che Windows 10 è stato sviluppato per adattarsi al meglio su ogni configurazione hardware, è comunque necessario che i PC soddisfino alcuni requisiti minimi. Dunque, prima di effettuare l’upgrade il suggerimento è quello di effettuare una veloce verifica se l’hardware del proprio PC soddisfi queste specifiche.

Fortunatamente, Windows 10 non è molto esoso in termini di requisiti hardware. Per installare il sistema operativo su PC, notebook e tablet occorrono almeno un display da 8 pollici con risoluzione di 800×600 pixel, 1 o 2 GB di RAM (32 o 64 bit), 16 o 32 GB di storage (32 o 64 bit), scheda video DirectX 9.0 e, solo per i tablet, pulsanti di accensione e volume. Trattasi, dunque, di requisiti che i più recenti PC soddisfano pienamente. Verificata la compatibilità hardware è opportuno che gli utenti verifichino anche quella software. Per evitare che il PC presenti problematiche software che possano in qualche modo bloccare l’upgrade il consiglio è quello di effettuare tutti gli eventuali aggiornamenti del sistema operativo e delle applicazioni che non sono stati ancora compiuti.

Aggiornare i driver, il firmware e le app dei PC dovrebbe mettere al riparo da spiacevoli sorprese al momento dell’upgrade a Windows 10. Tuttavia, proprio su questo punto, Microsoft ha detto che eventuali incompatibilità software potranno essere sanate ad upgrade concluso scaricando eventuali aggiornamenti da Windows Update e dal Windows Store di Windows 10.

Trattandosi di un upgrade totale del sistema operativo, qualcosa potrebbe andare sempre storto e dunque un ulteriore suggerimento è quello di effettuare un backup preventivo dei dati prima di aggiornare a Windows 10. In questo modo, in caso di problemi irreversibili i propri dati personali non andranno persi.

Effettuate le dovute verifiche hardware e software e messo in sicurezza i dati personali, gli utenti saranno pronti per effettuare l’upgrade del loro PC a Windows 10. Per velocizzare i tempi di aggiornamento, l’ultimo suggerimento è quello di prenotare sin da subito una copia upgrade del nuovo sistema operativo. Per tutti coloro che non l’avessero fatto il procedimento è molto semplice e sarà sufficiente cliccare l’icona Windows presente sul lato destro della barra delle applicazioni e seguire le istruzioni.

Ti potrebbe interessare