QR code per la pagina originale

Facebook, lotta al phishing

Facebook ha deciso di aiutare gli iscritti a proteggersi dagli attacchi di phishing rendendo disponibile lo storico delle comunicazioni inviate a loro.

,

Facebook ha deciso di proteggere gli utenti dagli attacchi di phishing. Gli account degli iscritti contengono molte informazioni preziose ed in alcuni casi anche dati importanti come quelli della carta di credito o della propria banca. Trattasi di elementi che fanno gola a molti truffatori che potrebbero fare di tutto per tentare di rubarli. Facebook, dunque, vuole aiutare i suoi iscritti a non cadere nelle trappole del phishing offrendo una nuova funzionalità che permetta di far comprendere a loro se le comunicazioni ricevute siano reali o fasulle.

All’interno delle Impostazioni del proprio account sul social network, gli utenti potranno trovare tutta la completa lista di email di sicurezza che Facebook ha inviato loro. In questo modo, gli iscritti potranno verificare se un messaggio a nome di Facebook ricevuto per email sia autentico oppure no. Facebook, per le sue comunicazioni, utilizza in genere indirizzi di posta elettronica che terminano con @facebookmail.com, ma i phisher sono molto bravi a camuffare i loro account e rendere quasi reali le loro comunicazioni. Proprio per questo, il social network ha deciso di offrire questo strumento difensivo.

Se si dovesse trovare un’email sospetta di Facebook che chiede, per esempio, il cambio delle password del proprio account per motivi di sicurezza, si potrà verificare all’interno delle Impostazioni del proprio profilo, se questa comunicazione sia reale oppure no.

Trattasi di uno strumento sicuramente molto utile anche se la raccomandazione più importante è sempre quella di prestare molta attenzione ai messaggi che si ricevono via posta elettronica. Le email di phishing spesso sono riconoscibili perchè presentano errori lessicali e di traduzione.

Infine, il social network invita gli utenti ad inviare segnalazioni all’indirizzo di posta phish@fb.com nel caso dovessero ricevere email fasulle.

Fonte: Engadget • Immagine: geralt via Pixabay