QR code per la pagina originale

iRobot Roomba mapperà il WiFi di casa

Gli aspirapolvere Roomba di iRobot dotati di connettività WiFi potranno presto mappare il livello di copertura della rete WiFi di casa.

,

Gli aspirapolvere Roomba di iRobot presto potranno fornire una perfetta mappatura della copertura WiFi della propria abitazione. Il CEO di iRobot, Colin Angle, ha illustrato alcuni progetti dell’azienda per rendere i ben noti aspirapolvere robot parte sempre più integrante delle case connesse. In realtà, tali piani sono piuttosto vaghi ma mettono, comunque, in mostra la volontà di offrire ai clienti soluzioni sempre più sofisticate. iRobot, comunque, si appresta a far debuttare sui suoi Roomba dotati di connettività WiFi la possibilità di creare una mappa del segnale WiFi delle abitazioni.

Tale funzionalità dovrebbe arrivare verso la fine del mese e questa speciale mappa coesisterà con la funzione “Clean Map” degli aspirapolvere che permette di creare una mappa della pulizia evidenziando le zone dell’abitazione più sporche. La mappa che sarà creata non sarà particolarmente dettagliata. Non saranno effettuati test di velocità di linea ma saranno visualizzati solamente i livelli del segnale in decibel. Una cartina potenzialmente utile ad individuare le zone della casa dove poter collocare un range extender per uniformare il segnale WiFi nell’abitazione. Questa mappa del segnale del WiFi sarà solamente la prima di molte funzionalità che iRobot ha deciso di offrire ai suoi clienti.

iRobot Roomba mapperà il WiFi di casa

iRobot Roomba mapperà il WiFi di casa (immagine: TechCrunch).

Questo servizio di mappatura, già in test presso un numero ristretto di utenti, sarà presto disponibile all’interno di un programma beta accessibile dall’applicazione di iRobot. L’azienda intende creare uno spazio dove poter testare nuove soluzioni dando ai suoi utenti la possibilità di provarle in anteprima per capire come migliorarle, prima di farle debuttare ufficialmente per tutti.

Questo programma beta inizierà il 23 gennaio in America ma non è chiaro se anche i clienti delle altre nazioni vi potranno partecipare.

Nessun problema, infine, per quanto riguarda la privacy. La società non cederà i dati registrati a nessuno.

Fonte: Tech Crunch