QR code per la pagina originale

WhatsApp, arrivano le videochiamate di gruppo

Nelle prossime settimane, WhatsApp aggiungerà finalmente il supporto alle chiamate e alle videochiamate di gruppo, per un massimo di 4 partecipanti.

,

In occasione della conferenza F8, Facebook ha annunciato l’arrivo di una attesa e importante funzionalità all’interno di WhatsApp: si tratta della possibilità di effettuare chiamate e videochiamate di gruppo. Sarà disponibile prossimamente, insieme agli adesivi da utilizzare nelle chat.

A quasi due anni dal lancio delle videochiamate tra due utenti, WhatsApp sta dunque espandendo tale feature aggiungendo il supporto alle videochiamate di gruppo, che consentirà a un massimo di quattro partecipanti di parlare e guardarsi in diretta, proprio come avviene ad esempio su Skype. Mancano ulteriori dettagli ma è stato reso noto che sarà abilitata sugli smartphone e probabilmente non sulla versione Web del noto servizio di messaggistica. In un post sul blog, la società ha semplicemente scritto che:

Le chiamate vocali e video sono molto popolari su WhatsApp e siamo entusiasti di condividere che le chiamate di gruppo arriveranno nei prossimi mesi

Oltre 1,5 miliardi di utenti di WhatsApp potranno dunque presto godere delle funzionalità di videochiamata di gruppo per rimanere in contatto con le persone; inoltre, prendendo spunto da piattaforme di messaggistica rivali come WeChat, Hike e Line, WhatsApp sta anche aggiungendo gli adesivi e offrirà anche agli sviluppatori di terze parti di personalizzarli e metterli così a disposizione delle persone.

Considerando quanto gli sticker siano apprezzati dagli utenti delle piattaforme concorrenti e quanto i gruppi siano, per molte persone, alla base dell’esperienza di WhatsApp, indubbiamente tali novità saranno ben gradite dall’oltre un miliardo di utenti che popola la piattaforma. Per l’occasione, è anche stato annunciato che WhatsApp ora ha oltre 450 milioni di utenti giornalieri che stanno facendo oltre 2 miliardi di minuti di chiamate video e audio sull’app.

Fonte: NeoWin