QR code per la pagina originale

Surface Pro 4, Microsoft sostituirà i display

Microsoft ha deciso che sostituirà gratuitamente gli schermi dei Surface Pro 4 che ancora oggi soffrono del problema di flickering.

,

Microsoft ha deciso che sostituirà gli schermi dei suoi Surface Pro 4 che soffrono del problema di flickering (sfarfallio). Il Surface Pro 4 è stato lanciato nel lontano 2015 ma sin dal debutto alcuni acquirenti avevano segnalato che i loro dispositivi soffrivano di un fastidioso problema di flickering. Nonostante una serie di aggiornamenti software atti ad attenuare questo problema, il gigante del software non è riuscito a farlo sparire del tutto.

Con una decisione assolutamente corretta, la casa di Redmond ha quindi deciso che provvederà a sostituire gli schermi dei Surface Pro 4 che ancora oggi soffrono del problema di flickering. Tuttavia, la sostituzione gratuita potrà avvenire solamente entro tre anni dalla data d’acquisto. Nel caso, invece, gli utenti avessero già intrapreso la strada dell’assistenza tecnica con la sostituzione del display al di fuori della garanzia, Microsoft ha promesso che offrirà dei rimborsi. La casa di Redmond vuole quindi risolvere alla radice uno dei problemi più fastidiosi che avevano afflitto uno dei suoi migliori ibridi Windows 10.

Il fenomeno del flickering, oltre ad essere fastidioso, peggiorava sensibilmente l’esperienza d’uso del computer, soprattutto se utilizzato per lavoro. Nel tempo, erano emersi anche alcuni sistemi “fai da te” per risolve il problema, come quello di raffreddare il Surface Pro 4 mettendolo addirittura nel congelatore. Il freddo, infatti diminuiva temporaneamente il fenomeno.

I possessori di un Surface Pro 4 che soffrono di questo problema allo schermo possono, quindi, iniziare a contattare l’assistenza clienti per chiedere l’intervento in garanzia di sostituzione del display difettoso. Chi volesse ottenere il rimborso per la sostituzione del display avvenuta fuori garanzia, dovrà sempre contattare l’assistenza clienti e seguire le istruzioni.

Fonte: Engadget