QR code per la pagina originale

WhatsApp, una bufala infiamma la folla in India

Quando una fake news su WhatsApp può scatenare un linciaggio ai danni di due persone innocenti: ecco cos'è accaduto in India in seguito a una notizia falsa

,

Un messaggio o meglio una bufala su WhatsApp che circolava in alcuni distretti dello stato del Madhya Pradesh, in India, ha aiutato a infiammare una folla di 50-60 abitanti di un villaggio, i quali hanno picchiato selvaggiamente due uomini innocenti la scorsa settimana con il sospetto che stessero per assassinare la gente e vendere parti del loro corpo.

Nello specifico, il testo scritto in hindi riportava che 500 persone travestite da mendicanti vagavano per la zona con l’obiettivo di uccidere indiani per raccogliere i loro organi e venderli; il messaggio, che la polizia ha identificato come falso, invitava anche i destinatari a inoltrarlo ad amici e parenti.

In India, un Paese con oltre un miliardo di persone che hanno accesso a dati mobile a basso costo, i messaggi di notizie e i video falsi possono diventare immediatamente virali, creando un’isteria di massa e suscitando tensioni comuni. Secondo il Ministero federale degli Affari Interni dell’India, nel 2017 sono state uccise almeno 111 persone e 2384 sono state ferite da azioni di massa, e anche se non è chiaro quanti casi siano stati attivati dalle bufale online pare che queste abbiano avuto una incidenza che non è possibile trascurare. Secondo quanto riportato da Reuters, WhatsApp ha detto di essere a conoscenza degli incidenti che si verificano nel territorio indiano proprio a causa delle fake news:

Purtroppo alcune persone usano anche WhatsApp per diffondere informazioni dannose. Stiamo intensificando i nostri sforzi di formazione in modo che le persone conoscano le nostre caratteristiche di sicurezza e come individuare notizie false e bufale.

Il linciaggio a discapito dei due indiani innocenti, avvenuto qualche giorno fa, segue un altro caso avvenuto poche settimane fa, dopo che un avvertimento sempre su WhatsApp ha indotto una folla di persone a linciare un uomo di 26 anni, sospettato che fosse un rapitore di bambini. Era stato attaccato mentre camminava per strada. Messaggi falsi su presunti rapitori di bambini sull’app di messaggistica ma anche su Facebook hanno inoltre portato anche al linciaggio di due uomini nell’India orientale all’inizio di questo mese.

Fonte: Reuters • Immagine: Pixabay