QR code per la pagina originale

Surface economico con CPU Intel Silver e Gold

I Surface low cost che Microsoft starebbe per presentare dovrebbero essere dotati dei processori Intel Pentium Silver e Gold.

,

Il Surface “economico” non solo esiste, come emerso dai database della FCC americana, ma dovrebbe montare CPU Intel Silver e Gold. Secondo un report di WinFuture.de, questa nuova famiglia di Surface a basso costo dovrebbe caratterizzarsi per la presenza dei processori Intel Pentium che offrono prestazioni non certamente paragonabili a quelle dei processori Intel Core ma che presentano costi molto bassi. Secondo la fonte, la variante entry level di questo nuovo Surface disporrebbe della CPU Intel Pentium Silver N5000 per arrivare, poi, alla presenza della CPU Intel Pentium Gold 4410Y o del modello Intel Pentium Gold 4415Y.

Questi Surface low cost disporrebbero, poi, di 4 o di 8 GB di memoria RAM, mentre il sistema operativo sarà, ovviamente, Windows 10 Pro. Quanto fatto emergere dalla fonte aiuta a comporre il puzzle di questo misterioso dispositivo. Microsoft non ha mai confermato di stare lavorando su di una variante economica del suo ibrido Windows 10, eppure da diverso tempo si sta speculando sull’imminente arrivo di un modello della famiglia Surface pensato per confrontarsi, come fascia di prezzo, con i tablet pc di Apple. Questi Surface economici, infatti, dovrebbero costare attorno ai 400 dollari.

Di loro si sa che avranno un display da 10 pollici con aspect ratio da 3:2 e che dovrebbero essere dotati anche di una porta USB-C. Il design sarebbe simile a quello degli attuali Surface ma con angoli più arrotondati. Dal database della FCC americana è emerso anche che sarebbero dotati di un alimentatore a bassa potenza indice di processori non particolarmente performanti come effettivamente confermato dal report di WinFuture.de.

Purtroppo, all’appello mancano ancora tutte le altre informazioni tecniche e soprattutto la data della loro presentazione. Il fatto che questi prodotti siano apparsi all’interno del database della FCC americana fa, comunque, ben sperare che la presentazione sia imminente.