QR code per la pagina originale

Social media progettati per creare dipendenza?

Social media come Facebook, Twitter e Snapchat sarebbero stati progettati proprio per creare dipendenza: ecco le rivelazioni di ex manager alla BBC.

,

Gli addetti ai lavori della Silicon Valley hanno detto alla BBC che le aziende tecnologiche, tra cui Facebook, Snapchat e Twitter, progettano deliberatamente le proprie piattaforme per far diventare gli utenti dipendenti dai loro servizi. «Cocaina comportamentale», la chiamano, per coinvolgere soprattutto le persone in «un’età incredibilmente giovane».

Funzionalità come lo scroll infinito e Mi Piace fanno in modo che le persone guardino i loro telefoni più a lungo del necessario e si nutrano delle loro insicurezze, si apprende dal documentario “Panorama” della BBC. È stato Aza Raskin, ex di Mozilla e Jawbone, a creare lo scroll infinito nel 2006, funzionalità che rende possibile lo scorrere senza interruzioni il newsfeed senza dover fare clic, che mantiene gli utenti più a lungo sul social. Raskin dichiara di non aver voluto provocare dipendenza ma di sentirsi in colpa per l’impatto che ha avuto la sua innovazione, ha detto alla BBC.

Lo scroll infinito è comunque solo una delle numerose funzionalità utilizzate dai social media per far rimanere gli utenti incollati allo schermo, dice. Secondo Raskin, «è come se stessero prendendo cocaina comportamentale e semplicemente spargendola su tutta l’interfaccia. E questa è la cosa che ti fa venire voglia di tornare nuovamente e nuovamente sul sito». In particolare, «dietro ogni schermo del tuo telefono, ci sono in genere migliaia di ingegneri che hanno lavorato su questa cosa per cercare di renderla estremamente avvincente», ha aggiunto l’ex dipendente di Mozilla e Jawbone.

Anche Leah Pearlman, l’ingegnere di Facebook che ha creato il pulsante “Mi piace” che caratterizza il social network in blu, ha parlato di come la sua creazione abbia finito per creare dipendenza dal sito a lei stessa. «Quando ho bisogno di conferme, vado a controllare su Facebook. Se mi sento sola, vado a controllare il mio telefono. Se mi sento insicura, vado a controllare il mio telefono», ha ammesso alla BBC.

Facebook ha anche reso facile per i siti web aggiungere il proprio pulsante Mi piace alle loro pagine, ma ha negato che il suo servizio sia stato deliberatamente progettato per creare dipendenza. Un portavoce della società ha infatti dichiarato che:

Le accuse che sono emerse durante il processo di produzione di BBC Panorama sono imprecise: Facebook e Instagram sono state progettate per avvicinare le persone ai loro amici, alla famiglia e alle cose a cui stanno a cuore.

Queste potrebbero essere la connessione a persone care che vivono lontano o che si uniscono a una comunità di persone che condividono i tuoi interessi o supportano le cause che contano di più per te. Questo scopo è al centro di ogni decisione progettuale che facciamo e in nessuna fase volevamo che qualcosa diventasse un fattore di dipendenza in quel processo.

Mentre Facebook – che pare stia testando un nuovo strumento denominato Your Time on Facebook progettato per aiutare gli utenti a monitorare il tempo trascorso sul sito – è intervenuta per difendere le sue creature, Twitter si è rifiutata di commentare mentre Snapchat non ha ancora fornito una risposta alle richieste.

Fonte: BBC • Via: Cnet • Immagine: AJ_Watt via iStock