QR code per la pagina originale

Snapchat, una foto per fare acquisti su Amazon?

Snapchat starebbe per lanciare Eagle, una funzione di ricerca visiva che permetterebbe di fotografare un oggetto e vederlo su Amazon, per comprarlo.

,

Snapchat sta sviluppando una nuova funzionalità di ricerca visiva che consentirebbe agli utenti di puntare la fotocamera su un oggetto o un codice a barre per identificare il prodotto su Amazon, così da poterlo eventualmente comprare. La feature è stata scoperta all’interno del codice dell’ultimo aggiornamento dell’app Android di Snapchat, come riferito da TechCrunch, e sarebbe denominata Eagle.

Rivelata nello specifico dal ricercatore Ishan Agarwal, Snapchat Eagle funzionerebbe identificando oggetti, brani musicali e codici a barre dalle fotocamere degli utenti inviando i dati ad Amazon, Shazam e altre società partner. Per utilizzare la funzione di ricerca visiva, sarebbe sufficiente scattare una foto a un oggetto, quindi l’app potrebbe a questo punto mostrare i venditori di quel prodotto e le recensioni. L’utente sarebbe quindi in grado di copiare il link Amazon con le informazioni sul prodotto e condividerlo con gli amici.

La ricerca visiva dei prodotti potrebbe differenziare Snapchat da Instagram, il cui clone di Snapchat Stories ora ha più del doppio degli utenti. I termini dell’accordo tra Snapchat e Amazon non sono stati divulgati e non è ancora possibile sapere quando la funzionalità Eagle sarà disponibile al pubblico, ma se il social media ha elaborato un accordo di affiliazione col colosso degli e-commerce questa novità potrebbe aprire un nuovo flusso di entrate. Integrandosi nel processo di acquisto di Amazon e ampliando la sua utilità oltre i social media, Snap può infatti attingere a una comunità di e-commerce di grandi dimensioni e attirare nuovi utenti. Potrebbe anche attirare gli inserzionisti pubblicitari.

Nel frattempo, chi è curioso di sperimentare una funzione di ricerca visiva già disponibile al pubblico dovrebbe sapere che il supporto a Google Lens è stato portato su iOS tramite l’app gratuita Google Foto.

Fonte: TechCrunch • Via: Engadget • Immagine: Pixabay