QR code per la pagina originale

Tesla vuole una fabbrica in Europa

Tesla punta a voler costruire una fabbrica in Europa; favorita la Germania ma la società starebbe discutendo anche con le autorità dei Paesi Bassi.

,

Tesla vuole puntare sull’Europa e progetta di aprire una nuova fabbrica o in Germania o nei Paesi Bassi. Dopo aver annunciato il piano di voler costruire una nuova Gigafactory in Cina, la società di Elon Musk avrebbe iniziato a discutere con le autorità locali della Germania e dei Paesi Bassi per l’apertura di una sua nuova fabbrica in cui produrre sia batteria che auto elettriche.

L’indiscrezione è stata riportata dal The Wall Street Journal che ha evidenziato come Tesla starebbe discutendo del suo progetto con le autorità di due regioni della Germania. Queste trattative sarebbero solamente all’inizio e potrebbero non dare anche alcun risultato. Proprio per questo Tesla avrebbe intavolato anche una discussione con le autorità dei Paesi Bassi anche se la fonte non riporta se questa opzione sia ancora valida. Quanto trapelato dalla fonte non stupisce visto che la società di Elon Musk è da molto tempo che progetta di sbarcare in Europea avendo come obiettivo principale quello di aprire una fabbrica in Germania.

La casa automobilistica americana ha già una fabbrica in Europa che si trova a Tilburg, nei Paesi Bassi, ma viene utilizzata solo per l’assemblaggio finale dei modelli Model S e Model X. Il progetto di sbarco in Europa è, in realtà, in ritardo. Originariamente, infatti, Elon Musk aveva affermato che una scelta sarebbe stata fatta entro il 2017. Una timeline che non è stata rispettata ma quanto fatto emergere dal The Wall Street Journal evidenzia come all’annuncio ufficiale potrebbe anche non mancare molto.

L’apertura di una fabbrica in Europa avrebbe ripercussioni positive sulla produzione di Tesla. Questa fabbrica, infatti, potrebbe concentrarsi sull’assemblaggio di batterie e di auto per il mercato europeo, accelerando sensibilmente i ritmi di produzione.

Se si troverà una quadra sull’accordo, sicuramente se ne saprà di più nel corso dei prossimi mesi.