QR code per la pagina originale

Google BigQuery, ora anche con Ethereum

Dopo il tool per i dati Bitcoin, ora Google aggiunge al suo strumento di analisi BigQuery anche la criptovaluta Ethereum. 

,

Dopo aver reso disponibile un tool per l’analisi dei dati Bitcoin in Google BigQuery, ora il colosso di Mountain View aggiunge al suo strumento di analisi anche la criptovaluta Ethereum.

BigQuery è un programma sviluppato da Google per analizzare i big data, e che può essere molto efficace anche nel caso di criptovalute come Bitcoin e, appunto, Ethereum. Le informazioni che vengono analizzate sono recuperate direttamente dalla blockchain della criptomoneta, ogni giorno.

Come spiega Google nel suo blog ufficiale, queste informazioni vengono poi trasferite su grafici e report che si potranno rivelare molto utili per programmare strategie di business, aggiustare il bilancio o addirittura migliorare la stessa architettura di Ethereum. Oltre che capire meglio la circolazione della moneta.

Fra gli esempi riportati da Google c’è CryptoKitties, una sorta dai videogioco strutturato sulla base della blockchain e in cui l’obiettivo – come una specie di evoluzione del vecchio Tamagotchi – è quello di fare crescere un gatto digitale, e poi scambiarlo con altri felini digitali o venderlo.

L’analisi in BigQuery riesce ad evidenziare la frequenza di scambio e il potenziale economico di CryptoKitties  Il gatto più costoso venduto all’interno della rete Ethereum è stato di 247 ETH, pari a circa 117 mila dollari.

Il prossimo mese sarà decisivo per il futuro di Ethereum, criptovaluta nata circa tre anni fa, con l’avvento dell’hard fork Constantinople che aggiornerà la piattaforma. L’andamento di Ethereum negli ultimi sei mesi non è stato dei più rosei: la criptomoneta è passata dagli oltre 1.300 dollari ai 286 attuali.

 

 

Fonte: Blog di Google • Immagine: Pixabay