QR code per la pagina originale

Facebook, mappe per Amici nelle vicinanze

Facebook al lavoro su nuovo design per Amici nelle vicinanze: si avvicinerà molto a quello di Snapchat, mostrando gli amici sulla mappa.

,

Facebook è alla disperata ricerca delle migliori strategie per trattenere sulla piattaforma un pubblico giovane, che ormai sta migrando su Instagram e sulla rivale Snapchat. Per questo continuerà ad implementare caratteristiche di usabilità e design molto simili all’app di Evan Spiegel.

L’ultima trovata è un completo redesign della funzione Amici nelle vicinanze, che se attivata illustra all’utente dove si trovano i propri amici, se appunto nelle vicinanze, se in viaggio o se si sono registrati in qualche luogo specifico. In realtà questa funzione non è mai stata accolta da una grossa fetta di utenza, per questo verrà introdotta una funzionalità molto simile a Snapchat.

Arriva la mappa

Da quando Snap Inc. ha concluso la sua più grande acquisizione, quella dell’app francese Zenly con u ‘operazione che è costata tra i 250 e i 350 milioni di dollari, ha introdotto Snap Map, che permette agli utenti di condividere la posizione e di visualizzarla sulla mappa per mostrarla agli amici e follower.

Snap Map

Questo è proprio quello su cui starebbe lavorando Facebook. Se in questo momento si apre Amici nelle vicinanze in Facebook ciò che viene mostrato è semplicemente una lista di amici che hanno attivato la funzione e la loro posizione, suddivisi in quelli più vicini o quelli in base alla località.

Ora invece Facebook sta testando la nuova versione che rimpiazza la lista con una mappa, suddividendo gruppi di amici in base alla città. L’utente può vedere così la posizione approssimativa nelle sue vicinanze o in una città, chiaramente non le coordinate esatte di un contatto. Così sarebbe troppo.

Facebook lo ha confermato a TechCruch: “stiamo testando un nuovo design per Amici nelle vicinanze, uno strumento che gli utenti hanno usato negli ultimi anni per incontrare gli amici di persona”, sottolineando come tutti abbiano il completo controllo della funzione, che ovviamente si può attivare o disattivare a piacimento.

Fonte: TechCrunch • Immagine: PxHere