QR code per la pagina originale

Microsoft, dettatura vocale su Office Online

Microsoft introduce la funzionalità di dettatura vocale in Office Online per aiutare chi soffre di dislessia ad usare la sua suite per la produttività.

,

Microsoft, ad inizio dell’anno, aveva introdotto il supporto alla dettatura vocale all’interno dell’applicazione Word del pacchetto Office. La casa di Redmond, adesso, ha annunciato che questa funzionalità arriverà anche all’interno di Office Online. Nello specifico, questa interessante funzionalità di dettatura vocale sarà disponibile già nel corso delle prossime settimane all’interno di Word e OneNote Online. Questa novità fa parte del progetto di Microsoft di voler aiutare le persone affetta da alcune disabilità ed in particolare quelle colpite da dislessia a poter utilizzare i suoi servizi.

Come fa ben intuire il nome, infatti, la funzionalità di dettatura vocale consente alle persone di poter scrivere del testo semplicemente attraverso la voce e senza dover, quindi, utilizzare la tastiera. L’arrivo di questa novità all’interno di Office Online permetterà di rendere disponibile la dettatura vocale sopratutto in ambito scolastico. Word e OneNote saranno le prime app di Office Online a poter ottenere il supporto alla dettatura vocale. PowerPoint, Excel e Outlook potranno disporne, invece, solamente nel corso del 2019 anche se una esatta esatta non è stata menzionata da Microsoft.

Le novità introdotte dalla casa di Redmond, però, non finiscono qui. Microsoft, infatti, ha aggiunto anche la traduzione in tempo reale all’interno del suo strumento di lettura immersiva in Word, OneNote e Outlook Online, come così come su OneNote per iPad, Mac e Windows 10. Questa novità supporterà la traduzione di pagine intere, parole o frasi in un’altra lingua. Lo strumento di traduzione di pagine e parole inizierà a ad essere disponibile in autunno. La possibilità di tradurre intere frasi arriverà successivamente.

Microsoft, dunque, continua nel suo impegno di migliorare i suoi strumenti di produttività per garantire la massima usabilità davvero a tutti quanti.

Fonte: The Verge