QR code per la pagina originale

Destiny 2 per PC gratis fino al 18 novembre

Da oggi fino al 18 novembre Destiny 2 sarà disponibile gratuitamente nella sua versione PC.

,

Da oggi fino al 18 novembre Destiny 2 sarà disponibile gratuitamente nella sua versione PC. Il gioco sarà scaricabile senza sborsare nemmeno un centesimo da Battle.net.

Una notizia lanciata da Blizzard poco prima dell’apertura della Blizzcon 2018, evento annuale del famoso publisher americano che si tiene in California e durante il quale vengono presentate tutte le future novità ai tanti fan.

Niente periodo di prova. I giocatori potranno riscattare Destiny 2 da oggi fino al 18 novembre e, una volta fatto, il gioco resterà disponibile nella libreria per sempre, anche una volta terminata l’offerta, e senza alcun limite dal punto di vista di contenuti e gameplay.

Una possibilità davvero interessante per tutti quei videogiocatori che hanno apprezzato il primo capitolo e vogliono dare una possibilità al titolo multiplayer di Bungie, senza tra l’altro sborsare nemmeno un centesimo. Ovviamente l’offerta riguarda solamente il gioco base, che da solo offre comunque decine di ore di gioco. Esistono infatti diverse espansioni: La Maledizione di Osiride, La Mente Bellica, e la più recente de I Rinnegati.

Non è la prima volta che Blizzard regala Destiny 2: il gioco è già stato reso gratuito su PlayStation 4 come titolo scaricabile di settembre per gli abbonati al servizio online PlayStation Plus.

Ricordiamo che Destiny 2 è uno sparatutto in prima persona multiplayer con ambientazione sci-fi e caratterizzato da una forte componente RPG. Una sorta di mix fra World of Warcraft, Halo (gli sviluppatori sono infatti i ragazzi di Bungie, creatori della serie) e Borderlands, perfetto per chi ama le esperienze online massive e che richiedono una certa “devozione” in termini di tempo.

Dopo un primo periodo non esaltante dal punto di vista dell”accoglienza, Destiny 2 sembra aver trovato una base di utenza piuttosto solida e fedele, ma queste operazioni commerciali dimostrano che Blizzard non sia totalmente soddisfatta.

Fonte: Kotaku • Immagine: Blizzard