QR code per la pagina originale

Microsoft annuncia tante novità per OneDrive

Microsoft ha annunciato una serie di importanti novità per OneDrive quasi esclusivamente dedicate per le app di iOS ed Android.

,

Microsoft crede molto nel cloud e continua a migliorare costantemente il suo servizio OneDrive. Come parte di questo lavoro, la casa di Redmond ha annunciato l’arrivo di una serie di nuove funzionalità che debutteranno all’interno di OneDrive nel corso del mese di novembre. Principalmente, comunque, le novità riguarderanno l’applicazione OneDrive per iOS ed Android. Innanzitutto, la società ha annunciato l’arrivo della nuova funzione “Mobile Capture” che permetterà di aggiungere facilmente i metadati a qualsiasi elemento digitalizzato come documenti o biglietti da visita che si scansionano o più semplicemente immagini acquisite dall’app OneDrive.

Dopo aver catturato l’immagine, l’app chiederà agli utenti di inserire i dati aggiuntivi. Altra novità riguarda la possibilità di poter condividere le note di una riunione. Questa funzione sfrutta Microsoft Graph per suggerire a quali persone inviare le note. Su OneDrive.com arriverà anche la nuova funzione “Recent View” pensata per rendere più semplice l’esperienza d’uso, mettendo in rilievo i file che potrebbero interessare di più. Tale strumento funziona al meglio con i file di Office ma in futuro sarà ulteriormente migliorato. “Manage Access“, invece, permetterà di semplificare la gestione di chi ha accesso ai file condivisi.

Più nel dettaglio, questo strumento faciliterà l’aggiunta e la rimozione di singoli utenti su collegamenti che funzionano per persone specifiche, oltre a rendere più chiaro il modo in cui gli utenti utilizzano i collegamenti. Microsoft ha migliorato anche il sistema di gestione delle richieste di accesso ai file.

Infine, ma non meno importante, la casa di Redmond ha annunciato che terminerà il supporto al suo client OneDrive per i sistemi operativi OS X 10.10 e 10.11 dal prossimo primo di febbraio 2019. Il client continuerà a funzionare ma non sarà più aggiornato.

Fonte: Microsoft • Via: Neowin • Immagine: charnsitr via Shutterstock