QR code per la pagina originale

Windows 10 19H1 separa Cortana dalla ricerca

In Windows 10 19H1, il prossimo grande aggiornamento funzionale di Windows 10, potrebbe arrivare la separazione di Cortana dalla ricerca di Windows.

,

All’interno di Windows 10 19H1, Cortana potrebbe venire separata dalla ricerca di Windows. Non si tratta di una notizia davvero inedita. Già all’inizio dell’anno erano trapelate informazioni di un progetto di Microsoft di spostare Cortana all’interno dell’Action Center. Una scelta dovuta probabilmente al fatto che agli utenti l’integrazione dell’assistente con la ricerca di Windows non è mai davvero piaciuta.

Adesso, grazie ad una serie di immagini condivise su Twitter da Albatross, utente da sempre molto attento alle novità del sistema operativo di Microsoft, è possibile scoprire qualcosa di più di questo progetto della casa di Redmond. Le immagini, infatti, permettono di vedere come funzionerà questa separazione una volta che sarà ufficialmente introdotta in Windows 10 da parte della casa di Redmond. Come si può notare, dunque, Cortana e la ricerca di Windows sono attivabili separatamente attraverso pulsanti dedicati.

In futuro, dunque, gli utenti potranno scegliere di utilizzare la ricerca di Windows senza dover passare per l’assistente di Windows 10 e viceversa. Una scelta che dovrebbe migliorare l’esperienza d’uso del sistema operativo. Inoltre, la fonte evidenzia anche un altro aspetto. Cortana dovrebbe proporre anche un’interfaccia utente nuova chiamata “Conversation Canvas”. Ovviamente, da parte di Microsoft non sono giunte conferme su quanto scoperto ma appare chiaro che molto presto Cortana subirà un profondo restyling all’interno di Windows 10.

Come accennato all’inizio, la separazione tra Cortana e la ricerca di Windows dovrebbe arrivare all’interno di Windows 10 19H1, il prossimo grande step funzionale del sistema operativo che debutterà entro la primavera del 2019. Se queste novità arriveranno davvero con Windows 10 19H1 è lecito attendersi che gli Insider ne potranno disporre già nel corso dei prossimi mesi per tutti i test del caso. Per allora, dunque, se ne potrà sapere molto di più.

Fonte: Neowin • Immagine: yougoigo via Shutterstock