QR code per la pagina originale

Smartphone 5G di OnePlus a maggio 2019

Il CEO di OnePlus ha confermato che il primo smartphone 5G arriverà in Europa entro fine maggio 2019 e che non si chiamerà OnePlus 7.

,

Il CEO Pete Lau aveva anticipato alcuni dettagli sullo smartphone 5G durante il Qualcomm Tech Summit. Il dirigente ha confermato i piani nel corso di un’intervista rilasciata a CNET, aggiungendo ulteriori informazioni sul dispositivo. Parlando invece con PCMag ha svelato l’eventuale arrivo di un modello con dimensioni inferiori.

OnePlus è un’azienda molto più piccola di Samsung e Huawei, ma ha promesso di portare sul mercato europeo il primo smartphone 5G con processore Snapdragon 855. Ciò avverrà entro fine maggio 2019 grazie alla collaborazione con l’operatore britannico EE. Il CEO aveva già detto che il prezzo aumenterà di circa 200-300 dollari rispetto al modello 4G, per cui non prevede di vendere lo stesso numero di unità. Un incremento maggiore si avrà sicuramente nel 2020, quando i principali operatori mondiali avranno attivato le loro reti 5G.

Lau ha dichiarato che lo smartphone non si chiamerà OnePlus 7 (che integrerà ancora un modem 4G), quindi potrebbe essere una variante dell’attuale OnePlus 6T con un design simile. Il produttore cinese offrirà dunque una linea di smartphone separata da quella principale, come avvenuto con il OnePlus X nel 2015. Lo smartphone 5G supporterà solo le frequenze sub-6GHz che permettono di raggiungere una maggiore distanza delle frequenze mmWave.

Il CEO ha constatato che molti utenti chiedono smartphone più piccoli. OnePlus potrebbe quindi progettare un modello più compatto, ma prima devono essere introdotte nuove tecnologie per le batterie. Riducendo infatti le dimensioni complessive viene limitato anche lo spazio occupato dalla batteria. Ad un numero di celle più basso corrisponde una capacità e quindi un’autonomia inferiore. Sono in corso diversi esperimenti con il grafene, ma prima di usare questo materiale in prodotti commerciali passeranno ancora molti anni.

Fonte: CNET • Via: PCMag