QR code per la pagina originale

WhatsApp non funzionerà più su questi smartphone

Con il nuovo anno WhatsApp ha smesso di funzionare su diversi smartphone e sistemi operativi ormai obsoleti per l'app.

,

WhatsApp non è un’app eterna, almeno su certi smartphone e sistemi operativi giudicati ormai obsoleti. Negli ultimi mesi si è parlato molto dei modelli che dal primo gennaio 2019 non avrebbero più supportato la popolare applicazione di messaggistica, ormai il giorno è arrivato. L’anno scorso a cadere sotto i colpi dell’obsolescenza sono stati Windows Phone 8.0, BlackBerry OS e BlackBerry 10. Quest’anno invece il bersaglio sono diversi modelli Nokia e non solo.

Ad annuncialo è stata la stessa società, che con una nota ufficiale ha fatto sapere quali sono i terminali su cui non si potranno più creare nuovi account, ma sui quali WhatsApp si potrà comunque usare fino a un certo periodo. In particolare si parla di questi:

– Sui dispositivi con Android 2.3.7 e precedenti WhatsApp si potrà usare fino al primo febbraio 2020
– Sui terminali con iOS 7 e precedenti si potrà usare fino al primo febbraio 2020

Ce ne sono comunque altri su cui l’app non funzionerà più, in maniera definitiva. Si tratta di diversi modelli Nokia con il sistema operativo Symbian S40, ecco l’elenco completo:

Nokia 206, Nokia 208, Nokia 301, Nokia 515, Nokia Asha 201, Nokia Asha 205, Nokia Asha 210, Nokia Asha 230, Nokia Asha 300, Nokia Asha 302, Nokia Asha 303, Nokia Asha 305, Nokia Asha 306, Nokia Asha 308, Nokia Asha 309, Nokia Asha 310, Nokia Asha 310, Nokia Asha 311, Nokia Asha 500, Nokia Asha 501, Nokia Asha 502, Nokia Asha 503, Nokia C3-00, Nokia C3-01, Nokia X2-00, Nokia X2-01, Nokia X3-02 e Nokia X3-02.5

Le motivazioni di questo mancato supporto per il futuro risiedono anche nella sicurezza che questi modelli e sistemi operativi non riescono più a garantire. Molti SO inoltre sono datati e non riescono in ogni caso a supportare tutte le nuove funzioni dell’app. Infine la dipartita da certi modelli è da imputare anche alla potenza degli stessi, oltre al fatto che ormai sono poco utilizzati e quindi soppiantati da dispositivi più recenti.

Fonte: WhatsApp • Immagine: PxHere