QR code per la pagina originale

Carta del docente 2019: novità e scadenza

La Carta del docente permette agli insegnati di poter gestire 500 euro da spendere per la loro formazione; per accedere serve un account SPID.

,

La Carta del docente è un bonus di 500 euro che tutti i docenti italiani potranno utilizzare per il proprio aggiornamento professionale. Per esempio sarà possibile per i docenti effettuare l’acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale. Oltre a questo è possibile acquistare ingressi nei musei, biglietti per eventi culturali, teatro e cinema o per iscriversi a corsi di laurea e master universitari, a corsi per attività di aggiornamento, svolti da enti qualificati o accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

La Carta del docente può essere utilizzata anche per l’acquisto di hardware e software ma che rientrino però nella categoria degli strumenti informatici che sostengono la formazione continua dei docenti. Per poter usufruire di questo bonus di 500 euro, i docenti dovranno recarsi sul sito cartadeldocente.istruzione.it che permette di utilizzare l’importo assegnato di 500 euro per ogni anno scolastico, per il loro aggiornamento professionale. Per poter accedere a questo servizio web, i docenti dovranno creare ed utilizzare uno SPID che permetterà loro di poter accedere anche a molti altri servizi digitali della Pubblica Amministrazione utilizzando sempre le medesime credenziali d’accesso.

Carta del docente 2019: novità

La piattaforma Carta del Docente tornerà operativa a partire dal 4 gennaio 2019 dopo la pausa festiva. L’inattività del portale ha permesso anche un suo aggiornamento per poter introdurre tutte le novità che arriveranno nel corso del 2019. Si ricorda che il 31 dicembre 2018 è stato l’ultimo giorno valido per poter sfruttare il bonus relativo all’anno scolastico 2016/2017.

I docenti che non avessero speso tutto il loro bonus non potranno usufruirne successivamente. Inoltre, a partire dal 2019 il valore del portafoglio non potrà essere superiore a 1.000 euro.