QR code per la pagina originale

Netflix, condividere film e serie TV su Instagram

Arriva una nuova funzionalità sulle Storie di Instagram che permette di dare e ricevere consigli riguardo i contenuti su Netflix.

,

Di solito per condividere le esperienze migliori riguardo le proprie preferenze sulle serie TV e film ci si affida ai social network. Facebook è uno di questi, usato però sempre meno dai giovani. Instagram è invece la piattaforma del momento ed è al centro di una nuova funzione proprio di Netflix, per ora disponibile su iOS, ma arriverà presto anche su Android. La popolare piattaforma di streaming video mira proprio a questo: consentire ai propri utenti di far sapere a tutti i propri consigli su cosa vedere.

Quando “ci si perde” in una serie televisiva si vuole gridare al mondo quanto questa sia appassionante, con la classica frase “la devi assolutamente vedere”, che prima o poi tutti sentiranno. Nell’app di Netflix è stata inserita una funzione per condividere i titoli e le locandine dei propri contenuti preferiti sia attraverso le Storie di Instagram che i messaggi diretti.

Il nuovo pulsante è stato inserito nella pagina riassuntiva di ogni contenuto, sia esso un film, una serie TV, anime o documentario. Premendolo si può condividere subito una schermata con il titolo e anche la locandina del contenuto, ovviamente nel formato verticale tipico di Instagram. Ognuna di queste immagini può essere inviata ai propri contatti per consigliare l’opera.

Usando le Storie invece si potrà convincere i propri follower a vedere quel determinato contenuto, con tanto di personalizzazioni con testi, immagini e sondaggi. In tutti i casi nell’immagine c’è un link che porta al sito web di Netflix. Questa novità è in fase di rilascio e si può immaginare potrebbe un futuro in cui possa essere sfruttata anche da influencer più o meno noti per scopi di marketing.

Il proprio feed di Instagram potrebbe presto essere popolato di locandine che riguardano i contenuti Netflix più popolari: per alcuni uno strumento utile, sperando che l’utenza non ne abusi.

Fonte: TechCrunch • Immagine: Pixinoo via Shutterstock