QR code per la pagina originale

Windows 7, arriva la notifica della scadenza

Microsoft ha rilasciato un aggiornamento per Windows 7 che introduce un promemoria che ricorderà che a gennaio 2020 terminerà il supporto ufficiale.

,

Microsoft ha introdotto ufficialmente una notifica all’interno di Windows 7 che avviserà della fine del supporto del sistema operativo. Come noto, Windows 7 diventerà obsoleto il prossimo 14 gennaio 2020. Questo significa che a partire da quella data la casa di Redmond non rilascerà più alcun aggiornamento. Gli utenti potranno comunque continuare ad utilizzare il sistema operativo ma saranno progressivamente sempre di più esporti a rischi di sicurezza.

Per avvisare per tempo le persone di questa importante scadenza, Microsoft ha deciso di introdurre una sorta di promemoria all’interno di Windows 7. Il gigante del software ha iniziato la distribuzione di un update identificato dal codice KB4493132 che introduce appunto questo sistema di notifica che avviserà gli utenti della fine del supporto del sistema operativo previsto per il 14 gennaio del 2020. Questo promemoria, per stessa promessa di Microsoft, non sarà invasivo. Questo significa che gli utenti lo vedranno solamente una manciata di volte e che potrà comunque essere in ogni momento disattivato.

La casa di Redmond, infatti, non intende compiere lo stesso errore di quando sollecitò con troppa insistenza gli utenti ad effettuare l’upgrade a Windows 10 durante il periodo in cui l’aggiornamento era gratuito.

Il promemoria rimanderà gli utenti che vogliono saperne di più ad un sito dedicato in cui saranno contenute tutte le informazioni che permetteranno di capire cosa significa esattamente la “fine del supporto”. Inoltre, saranno proposte alcune soluzioni come il passaggio a Windows 10 o l’acquisto di un PC più recente.

La migrazione a Windows 10, però, non è più gratuita come in passato. La licenza andrà acquistata.

Per quanto riguarda questo aggiornamento, è già disponibile attraverso Windows Update. Al termine dell’installazione non è necessario il riavvio del sistema operativo.