QR code per la pagina originale

HoloLens 2, l’esercito lo porta in battaglia

L'esercito americano ha dato una dimostrazione del suo visore Integrated Visual Augmentation System realizzato da Microsoft sulla base dell'HoloLens 2.

,

Microsoft aveva annunciato di aver vinto un’importante commessa con l’esercito americano per la fornitura dei suoi visori HoloLens che sarebbero serviti sia per l’addestramento che per azioni militari vere e proprie. CNBC ha avuto la fortuna di essere invitato a una dimostrazione del nuovo Integrated Visual Augmentation System (IVAS) dell’esercito, uno speciale visore basato su HoloLens 2. Test che ha permesso di scoprire il design e le funzionalità di questo strumento.

Questo visore, innanzitutto, permetterà ai militari di scoprire la loro posizione e quella della squadra attraverso una mappa che comparirà semplicemente guardando verso il basso. Alzando lo sguardo, invece, i militari vedranno una bussola con alcuni punti di interesse. Queste informazioni appariranno senza, però, disturbare la visuale. Queste soluzioni hanno ricordato al giornalista della CNBC il gioco “Call of Duty“. Il giornalista ha poi notato anche che il dispositivo potrebbe aiutare i soldati a puntare le loro armi, mostrando il mirino attraverso la visiera del visore. Questo speciale visore dispone anche di un sensore per la visione notturna che permette ai soldati di vedere al buio e attraverso il fumo, con prestazioni migliori rispetto a quelle offerte dai tradizionali occhiali per la visione notturna.

Altre 13 altre aziende stavano lavorando su 12 sensori che potrebbero estendere le capacità di HoloLens 2 e Microsoft sta inoltre lavorando ulteriormente sul design che attualmente non è compatibile con i caschi.

Un referente dell’esercito ha detto alla CNBC che si aspetta che le dimensioni del visore si riducano a qualcosa di poco di più di un paio di occhiali nel giro di 6 mesi. Il visore può essere utilizzato per il debriefing post-allenamento visto che è in grado di rilevare il battito cardiaco. Il visore arriverà nelle mani di migliaia di soldati americani entro il 2023.