QR code per la pagina originale

Microsoft, account chiusi se inattivi da 2 anni

Microsoft ha cambiato le policy di gestione degli account; se non sarà effettuato almeno un accesso ogni 2 anni, saranno eliminati.

,

Se non si è effettuato l’accesso al proprio account Microsoft da almeno 2 anni, la casa di Redmond potrebbe presto chiederlo. La società ha pubblicato un nuovo documento che illustra le sue policy sulla gestione degli account da cui emerge che gli utenti dovranno effettuare un accesso al loro account almeno una volta ogni due anni se non vogliono che venga eliminato. Questo cambiamento sarà efficace dal 30 agosto. Attualmente, infatti, le policy lasciano maggiore tempo agli utenti. Basta, infatti, un accesso ogni 5 anni per mantenere in vita l’account.

Presto, però, le cose cambieranno. Tuttavia, servizi specifici, come Outlook.com e OneDrive, hanno una gestione separata e si disattivano se non si effettua almeno un accesso all’anno. Con questo cambiamento, dovrebbe essere molto più facile per Microsoft chiudere gli account inattivi esistenti, ma ci sono alcune eccezioni per salvaguardare gli utenti. Se gli utenti hanno effettuato acquisti attraverso il loro account Microsoft, escludendo le carte regalo o gli abbonamenti scaduti, l’account non verrà chiuso a causa di inattività. Inoltre, gli account saranno comunque salvi se hanno sottoscrizioni attive, se hanno pubblicato app nel Microsoft Store o se hanno del credito residuo ancora da spendere.

Anche gli account famiglia non saranno chiusi sino a che ci sarà almeno un account secondario attivo. Anche se il tempo limite è stato ristretto, 2 anni sono sempre tanti e non dovrebbero esserci problemi da parte degli utenti a mantenere attivi i loro account per evitare che possano essere cancellati. Tuttavia, se si contava sul periodo precedente di cinque anni per mantenere attivo il proprio account, sarà necessario effettuare rapidamente l’accesso al proprio account prima che le nuove policy diventino effettive.