QR code per la pagina originale

Huawei ha collaborato con la Corea del Nord?

In base ai documenti ricevuti dal Washington Post, Huawei avrebbe aiutato la Corea del Nord nella realizzazione di Koryolink, la rete cellulare 3G.

,

Huawei è stata inserita dagli Stati Uniti nella famigerata Entity List, in quanto considerata un pericolo per la sicurezza nazionale. L’azienda cinese potrebbe rimanere per sempre nella blacklist se verrà confermata la collaborazione con la Corea del Nord che ha portato alla realizzazione della rete cellulare Koryolink.

I documenti che proverebbero il coinvolgimento di Huawei sono stati consegnati da un ex dipendente (e da altre fonti) al Washington Post. L’azienda di Shenzhen avrebbe preso parte, insieme a Panda International Information Technology (controllata dal governo nordcoreano), a diversi progetti negli ultimi otto anni, tra cui lo sviluppo e la manutenzione della rete wireless 3G, nota come Koryolink. In base ai documenti, Huawei avrebbe fornito le apparecchiature di rete (trasportate in Corea del Nord da Panda) e contribuito allo sviluppo del software.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha iniziato a cercare i legami tra Huawei e Corea del Nord nel 2016, senza tuttavia trovare nessuna prova. La rivelazione del Washington Post potrebbe avere conseguenze commerciali per il produttore cinese, in quanto si ipotizza la violazione delle restrizioni alle esportazioni imposte dal governo statunitense contro il regime nordcoreano (alcuni componenti provengono dagli Stati Uniti). Il Dipartimento di Giustizia aveva già accusato Huawei di aver violato le sanzioni contro l’Iran.

Un portavoce di Huawei ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Non abbiamo nessuna presenza commerciale in Corea del Nord. Huawei si impegna a rispettare tutte le leggi e i regolamenti applicabili nei paesi e nelle regioni in cui operiamo, comprese tutte le leggi e i regolamenti sul controllo delle esportazioni e sulle sanzioni delle Nazioni Unite, degli Stati Uniti e dell’Unione Europea.

La realizzazione delle rete cellulare 3G è iniziata nel 2008 in seguito all’accordo di joint venture tra Orascom Telecom Holding e Korea Post and Telecommunications Corporation, denominata CHEO Technology. Koryolink è in realtà un sistema di sorveglianza e controllo di massa.

Il governo nordcoreano può infatti monitorare le chiamate e la trasmissione dei dati. Gli utenti locali non possono effettuare chiamate internazionali e accedere ad Internet. Gli stranieri invece non possono effettuare chiamate locali e accedere alla intranet statale. I membri del governo utilizzano speciali telefoni che sfruttano la crittografia per bloccare i tentativi di intercettazione. I test sarebbero stati eseguiti da Huawei.